Sei in Parma

UNIVERSITA'

Giuseppe Costanza: ecco chi era Giovanni Falcone

Testimonianza dell’autista del magistrato, sopravvissuto all’attentato in cui nel 1992 a Capaci persero la vita il giudice antimafia, la moglie e tre agenti di scorta. Lunghi applausi dal pubblico

11 giugno 2019, 19:35

Giuseppe Costanza: ecco chi era Giovanni Falcone

 Impossibile dimenticare quel giorno. Per l’Italia intera, che quel 23 maggio 1992 l’ha impresso bene nella memoria collettiva, e anche per lui, Giuseppe Costanza, che era nell’auto in cui viaggiavano il giudice antimafia Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo. Per una fatalità quel giorno Costanza, che era autista di Falcone, non guidava ma sedeva sul sedile posteriore: in quel viaggio sull’autostrada A29, andando verso Palermo, il magistrato gli aveva chiesto di poter guidare, con la moglie al fianco, e l’aveva fatto accomodare dietro. Dalla strage di Capaci, in cui per mano di Cosa Nostra sono morti Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, lui, Giuseppe Costanza, è uscito vivo. Ferito molto gravemente, e con traumi importanti, ma vivo.

Oggi Giuseppe Costanza ha “raccontato” Giovanni Falcone all’Università di Parma, in un incontro organizzato dall’Ateneo e dal Comitato Unicef di Parma e patrocinato dal Comune di Parma. Aula Magna affollata, lunghi applausi e commozione dal pubblico. “Le verità scomode vanno dette, altrimenti non sono più verità. Perché se faccio finta di non sapere, anch’io faccio parte della mafia. Invece io ho servito lo Stato, quello buono”, ha spiegato Costanza nel corso del suo intervento.