Sei in Parma

diretta

Buongiorno Sindaco con Alinovi

28 ottobre 2019, 08:28

Buongiorno Sindaco con Alinovi

Stamattina su Radio Parma è  ritornato «Buongiorno Sindaco». Dalle 9 alle 10 il direttore Claudio Rinaldi ha intervistato per un'ora Michele Alinovi, assessore all'Urbanistica e ai Lavori Pubblici perché il sindaco Pizzarotti è all'estero per impegni istituzionali.   «Buongiorno Sindaco» è una trasmissione radiofonica a microfono aperto e i cittadini  possono rivolgere le domande che ritengono più opportune al primo cittadino sui temi più «caldi» della città, telefonando allo 0521-464246.

CICLABILE DI VIA SIDOLI

La prima ascoltatrice ad intervenire chiede la manutenzione della pista ciclabile di via Sidoli. Alinovi risponde che "ci siamo concentrati soprattutto sulla via Emilia. Stiamo programmando una serie di interventi ed abbiamo stanziato 200 mila euro all'anno per le piste ciclabili. Su via Sidoli ci muoveremo presto. I lavori di OpernFiber per mettere la fibra hanno fatto molti scavi. Aspettiamo che siano finiti questi lavori per rifarla completamente".

Alinovi ha poi spiegato che i prossimi lavori pubblici riguarderanno Eia e Beneceto perché ci sono alcune strade, soprattutto strada del Torrione, che devono essere sistemate. "Al massimo a fine inverno faremo questi lavori".

CENTRO CIVICO ARGONNE

"I lavori dovrebbero iniziare l'anno prossimo. Ai primi di novembre il progetto esecutivo sarà pronto e chiederemo il mutuo per fare gli interventi. Nel 2020 dovremmo intervenire perché il alternativa il centro va chiuso".

AREA VERDE DI VIA PASCAL

Un'ascoltatrice rileva che mancano le panchine per gli anziani e che ci sono delle piante malate. "Su via Pascal abbiamo fatto un incontro in quartiere. Purtroppo il bilancio partecipativo non ha votato l'area di via Pascal però anche qui, in base alle richieste arrivate, nel 2020 con il prossimo bilancio di previsione abbiamo in programma alcuni interventi. Per quanto riguarda le potature verificheremo perché queste piante non sono state potate. La verità è che preferiamo intervenire sulle piante a ridosso dei condomini". 

VIALE VILLETTA, PERCHE' LE QUERCE

"L'abbattimento delle vecchie piante è stato determinato da un fungo che le rendeva a rischio crollo. Il pioppo cipressino è un albero molto delicato in ambiente urbano cementificato quindi abbiamo condiviso la proposta di sostituirlo con un altro albero. Le proposte erano due: o la quercia fastigiata, albero autoctono e moltro robusto con portamento verticale che non supera i 20 metri di altezza, oppure il carpino. Questo ha il problema di avere le foglie molto basse che potevano ostruire la pista ciclabile. Per questo abbiamo scelto la quercia. Le associazioni ambientaliste si sono dette soddisfatte".

SAN PROSPERO, I PROBLEMI DELLA VIA EMILIA

Sulla situazione della via Emilia a San Prospero Alinovi ha spiegato: "Sappiamo che la situazione è difficile. La bretella di collegamento è a carico dei futuri lottizzanti dell'area ma l'azienda è in fallimento. I curatori hanno difficoltà a cederci l'area e noi non possiamo procedere con l'esproprio. Vogliamo ritornare sulla questione e se riusciamo ad ottenere il terreno vogliamo portare a completamento la bretella di via Lagazzi. Per quanto riguarda la via Emilia è in previsione una tangenzialina ristretta per San Prospero. Per quanto riguarda la via Emilia bis noi eravamo contrari ma ora dobbiamo ripensarci perché il traffico è diventato insostenibile fra Parma e Sant'Ilario. Ribadisco l'impegno mio e dell'assessore alla Mobilità a riaffrontare la questione della bretella di via Lagazzi".

PER ABBATTERE UN ALBERO IN UN GIARDINO PRIVATO SERVE UN PERMESSO

Alinovi ha spiegato che per abbattere un albero all'interno di un giardino privato occorre un permesso che va richiesto, altrimenti si incorre in un piccolo abuso edilizio che è sempre meglio evitare.

I PLATANI DI VIA MANTOVA

"I platani di via Mantova sono in buone condizioni e non necessitano di particolari interventi. E' chiaro che sono di grandi dimensioni e possono andare sui tetti delle villette adiacenze. Abbiamo in programma delle potature in tempi corretti, quindi non quando ci sono le foglie, così ci sarà più programmazione".

TAV, SERVE UNA FERMATA DI FRONTE ALLE FIERE

Il Comune è impegnato ad intervenire sulle infrastrutture a corredo dell'aeroporto. "Io credo che sia necessaria una fermata dell'alta velocità nella zona delle Fiere. L'interconnessione Tav non può essere strutturale. Una fermata in linea davanti alle Fiere potrebbe risolvere il traffico durante le fiere principali. La realizzazione di una stazione anche più piccola di quella di Calatrava risolverebbe molte cose. Trenitalia e Italo hanno detto che c'è grande richiesta da questo punto di vista. A Reggio c'è una quantità di utenti talmente grande che le auto sono costrette a parcheggiare nei campi. Una fermata a Parma alleggerirebbe anche il loro traffico. Poi con i bus navetta i passeggeri potrebbero raggiungere sia la nostra stazione che il centro della città. In passato abbiamo perso la fermata Mediopadana per miopia. Forse ora c'è la possibilità di metterla nuovamente in agenda". 

PIAZZA DELLA PACE: "IREN DEVE PULIRE PRIMA DELL'ALBA"

"Bisogna in qualche modo sanzionare gli incivili. Ho visto che i cittadini hanno dato la colpa all'inciviltà non solo degli stranieri ma anche dei parmigiani, ma Iren deve pulire prima dell'alba".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA