Sei in Parma

RADIO PARMA

«Buongiorno sindaco» Bosi e la Paci a tutto campo

24 novembre 2019, 09:29

«Buongiorno   sindaco»   Bosi  e la Paci a tutto campo

E' tornato oggi  l'appuntamento del lunedì mattina con «Buongiorno sindaco», la trasmissione in onda su Radio Parma dalle 9 alle 10. Questa settimana, a dialogare con il direttore della Gazzetta Claudio Rinaldi e con gli ascoltatori non c'era Pizzarotti (all’estero per motivi istituzionali) ma il vicesindaco Marco Bosi con l'assessore alla Partecipazione e ai Diritti dei cittadini, Nicoletta Paci, che parla delle iniziative della giornata contro la violenza sulle donne.  Per interventi e domande in diretta, gli ascoltatori possono telefonare allo 0521 464246, oppure inviare un messaggio al numero 333 9649949.

VIOLENZA SULLE DONNE, UNA DRAMMATICA REALTA'

"Qualche giorno fa sono usciti i dati della polizia - ha detto la Paci - che dicono che 8 episodi di violenza su 10 avvengono entro le mura domestiche. Ad oggi nel 2019, 94 sono stati gli  omicidi commessi contro i 142 dell'anno scorso, che è stato l'annus horribilis. Agli omicidi si sommano le violenze che possono essere verbali, psicologiche oltre che fisiche. Poi ci sono i bambini che assistono a questa violenza. In Comune abbiamo un tavolo al femminile attorno a quali ci riuniamo e programmiamo le attività da fare per la conoscenza del fenomeno. Anche quest'anno il 25 novembre abbiamo fatto un depliant nel quale spieghiamo le iniziative, come quella con Natalia Aspesi. Ci sono ancora altri eventi sia oggi che durante la settimana. Oggi Maschi che si immischiano si ritrovano sotto i portici del grano. Personalmente ritengo che tutto questo è non un'emergenza ma qualcosa di strutturale che va affrontato con soluzioni strutturali".

A una domanda di una ascoltatrice la Paci ha risposto che si augura che il decreto Pillon venga cancellato e sull'alienazione parentale aggiunge: "a detta di Pillon i padri vengono spesso denigrati dalle madri creando nei figli una reazione negativa. In realtà tutto questo non avviene e se una legge del genere dovesse passare ci si troverebbe nella situazione assurda che anche chi ha causato la violenza potrebbe avere l'affido dei figli". 

AGGRESSIONI IN CENTRO

"Quello delle aggressioni è un tema di grande attualità - ha detto Bosi - e per quanto riguarda il Comune è un problema di risorse umane. Quasi un terzo delle assunzioni in Comune sono finite nella polizia locale. Ma l'altro grande tema è quello delle pene: in Italia chi commette reati e viene preso non finisce in galera o se ci finisce ne esce subito. Non si può assumere solo in polizia comunale, perché ci sono anche gli asili, l'anagrafe eccetera. Non è facile presidiare il territorio con le sole nostre forze, bisogna che il Ministero dell'Interno ci dia una mano. Ci si rivolge sempre al sindaco ma bisognerebbe rivolgersi anche al questore e al prefetto. Oggi il contesto sociale è evidentemente cambiato per la crisi, l'immigrazione hanno provocato grandi cambiamenti nel tessuto sociale. Quando abbiamo chiesto a Roma più forze di polizia ci è sempre stato risposto di no, anche da Salvini quando era lui ministro. Siamo andati ad incontrare tutti i ministri, a partire dalla Cancellieri. E nessun ministro ci ha risposto con aumento delle forse di polizia. Ora andremo ad incontrare anche il ministro Lamorgese".

SICUREZZA STRADALE

"E' uno dei temi. Gli incidenti stradali erano uno stillicidio e fortunatamente il numero dei morti è molto calato. C'è maggior consapevolezza su alcuni temi come la guida in stato di ebbrezza. La strada è quella giusta e ora bisogna insistere sulla guida con i cellulari. L'obiettivo è quello di ridurre gli incidenti" ha detto ancora Bosi.

VERDE PUBBLICO

A un ascoltato che si lamenta per la scarsa manutenzione del verde Bosi risponde che "la precedenza va alle situazioni di pericolo. La manutenzione può essere fatta anche dai privati. Ci sono rotonde "adottate" che sono bellissime. Ciascuno può dare una mano, prendendosi cura di un pezzettino di territorio. La rotonda è chiaramente di competenza del Comune, ma magari ciascuno può mettere un fiore di fronte a casa propria per rendere più bella la città".

CONCERTO DI CAPODANNO

Sul nome di chi esibirà nel concerto di Capodanno, Bosi ha spiegato che: "non credo sia stato ancora deciso chi si esibirà. Si stanno raccogliendo le manifestazioni di interesse. Non credo ci sia quello di Memo Remigi come l'ascoltatore dice. Non credo sia il caso di aprire Parma 2020 con un gruppo di artisti locali perché Parma 2020 vuol essere un evento internazionale. Sono soldi investiti, non soldi buttati quelli che spenderemo".

DEIEZIONI CANINE

La Paci ha spiegato, rispondendo a un ascoltatore, che "ci sono difficoltà a riconoscere l'identità dei cani raccogliendo le deiezioni e ricavandone in dna. Però vediamo come riuscire ad applicare questa misura magari in zone sperimentali. Per quanto riguarda il canile, abbiamo cambiato il gestore e presto verranno scelti dei volontari che andranno a lavorare all'interno in aiuto al gestore con i cani e con i gatti. Si può presentare la propria candidatura attraverso il sito del Comune".

CARTELLI PUBBLICITARI PERICOLOSI

Bosi, sollecitato da un ascoltatore, ha spiegato che: "Ci sono dei cartelli che si staccano perchè probabilmente l'azienda che attacca i cartelli usa più acqua che colla e si creano queste situazioni pericolose ma anche di scarso decoro".

AEROPORTO

Bosi ha spiegato che: "Siamo in attesa della autorizzazioni da parte di Enac. Vogliamo sapere se il nostro piano va bene o meno. Il nostro pezzettino l'abbiamo fatto e stiamo aspettando la risposta degli entri preposti. Quello che gira intorno all'aeroporto sono gli oneri di urbanizzazione e non parliamo di piccole cifre, ma non dipende da noi".

LA LINEA 15 DELLA TEP

"C'è una discussione in corso perché le modifiche hanno suscitato molte critiche. In questo momento non ho dei tempi certi ma so che il consigliere Spadi conosce bene il quartiere e si sta occupando della cosa. Il tema è trovare una soluzione che accontenti tutti: le modifiche hanno agevolato i residenti di alcune strade ma penalizzato altri".

MALTEMPO

"Ieri - ha spiegato Bosi - sono state emanate un'allerta rossa e una arancione per le zone rivierasche del Po. Gli abitanti delle città possono stare tranquilli mentre quelli rivieraschi devono stare in allerta. I livelli di pioggia non sembrano preoccupare per quanto riguarda i fiumi che attraversano la città (Parma e Baganza)".

LE SARDINE IN PIAZZA

"E' un movimento utile a smuovere le coscienze - afferma Bosi - e le soluzioni non vanno chieste a loro. Loro sono lì per fare delle domande e difendere dei valori che io in gran parte condivido. Alle regionali avremo due candidati ma potrebbero salire a tre. Bonaccini ritiene di aver lavorato bene e io lo condivido. Dall'altra parte dicono liberiamo l'Emilia ma non capisco liberare da cosa.  Le sardine portano la gente in piazza, cosa che la sinistra non sa più fare".