Sei in Parma

Verde pubblico

Legambiente: 'Le potature drastiche sui viali aumentano i pericoli' - Foto

02 gennaio 2020, 19:12

Chiudi
PrevNext
1 di 3

"Legambiente - è scritto in un comunicato stampa dell'associazione ambientalistica ha ricevuto numerose ed allarmate sollecitazioni dai cittadini riguardo le potature degli alberi effettuate dal Comune nei viali cittadini. Le segnalazioni riguardavano, oltre la preoccupazione per tagli eccessivi, la impossibilità di avere risposte dal Comune. Legambiente su questo punto, purtroppo, non può che confermare come sul verde pubblico è oramai nota l’incomunicabilità dell’Amministrazione Comunale verso cittadini e associazioni, messi di fronte ai fatti compiuti e mai informati preventivamente. I processi partecipativi, che sarebbero necessari, sono illustri sconosciuti".
"Legambiente - continua il comunicato .  ha quindi effettuato in proprio alcuni controlli sui lavori di potatura svolti. Dopo anni, va detto, le potature vengono compiute finalmente nel periodo adatto dell’anno. Invece, nel merito fitosanitario, purtroppo solo in pochi casi sono stati effettuati tagli rispettosi della pianta. Negli ultimissimi anni, a Parma, stiamo assistendo a potature tra le peggiori mai effettuate. E non solo per la dimensione del taglio, ma per la qualità del lavoro in generale che denota una assoluta incompetenza di chi le effettua ma anche di chi le controlla. In generale Legambiente ricorda come agronomi, biologi e scienziati della vegetazione, indicano chiaramente come un albero sia un essere vivente autosufficiente e che, pertanto, non necessita di tagli per “vivere meglio”. Detto questo nelle città e lungo le strade è comprensibile intervenire per motivi di sicurezza del transito di pedoni e mezzi".


Proprio per garantire la sicurezza - conclude l'associazione ambientalista - ci sono oramai da tempo linee guida che indicano come il taglio dei rami debba essere limitato, salvaguardando le cimature e la chioma a ombrello. Invece la maggior parte dei casi di tagli effettuati a Parma nei giorni scorsi, vede capitozzature più ampie del dovuto con la conseguenza di provocare danni biologici agli alberi. Innanzitutto produrrà nuovi getti di rami in modo disordinato e tendenzialmente lunghi, rami più sottili e dunque fragili, meno resistenti alle raffiche di vento forte che, per il cambiamento climatico, sono più frequenti. Inoltre le capitozzature andrebbero cauterizzate con sostanze apposite per evitare il rischio gelo e, soprattutto, il rischio marciume e infezioni fungine o batteriologiche. Insomma le potature drastiche aumentano il rischio per l’incolumità dei cittadini anziché ridurlo, come si può vedere in viale Piacenza, via Buffolara e nella lato verso il Baganza di via Varese, con alberi ora più simili a lampioni. Naturalmente potature a taglio piccolo costano di più delle capitozzature e, dunque, a parità di risorse se ne possono effettuare meno. Tuttavia se ne guadagna in stabilità della pianta e in una minor necessità di interventi, e di spesa, in futuro. In questo sta la scarsa capacità e lungimiranza di chi guida gli assessorati competenti del Comune di Parma oggi, ma non è una novità".