Sei in Parma

università

Trapianto renale, a Parma un nuovo strumento di ricerca e diagnosi

04 febbraio 2020, 15:41

Trapianto renale, a Parma un nuovo strumento di  ricerca e diagnosi

Un nuovo strumento di laboratorio, altamente tecnologico, per la ricerca e la diagnostica. E’ stato presentato oggi il nuovo criotomo Leica CM1860, utilizzato nel campo del trapianto renale e delle malattie rare a carattere nefrologico, come le glomerulonefriti. L’attrezzatura è stata acquistata con fondi del dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’università di Parma e in parte utilizzando una donazione dell’associazione Emma ed Ernesto Rulfo per la genetica medica. Nel corso della conferenza stampa al dipartimento di Medicina e Chirurgia sono intervenuti, tra gli altri, il rettore Paolo Andrei e il direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria, Massimo Fabi. 
Il criotomo verrà impiegato nel laboratorio di Immunopatologia renale dell’università di Parma 'Luigi Migonè: si tratta di uno strumento di fascia elevata, indispensabile per la gestione delle biopsie renali eseguite su pazienti sottoposti a trapianto o con malattie rare a carattere nefrologico, come ad esempio le glomerulonefriti. Consente infatti l’allestimento e la preparazione di campioni di tessuto congelato o colture cellulari tridimensionali congelate e inclusi in OCT (un gel). Il Leica CM1860 rappresenta un notevole upgrade tecnologico, in quanto è fornito di un sistema di raffreddamento più moderno, spessori di taglio sicuri e costanti, oltre a sistemi di sicurezza aggiornati per la protezione degli operatori.