Sei in Parma

POLIZIA

Espulsi quattro moldavi e un tunisino

Accompagnati all'aeroporto di Parma e imbarcati su un volo per la Moldavia i primi, portato a Genova e imbarcato su una nave per la Tunisia l'altro

17 febbraio 2020, 08:55

Espulsi quattro  moldavi e un  tunisino

Sabato scorso il questore ha eseguito cinque provvedimenti di espulsione decisi dal prefetto  nei confronti di altrettanti cittadini stranieri irregolari sul territorio nazionale.
D. I. moldavo di 39 anni  è stato arrestato e successivamente condannato  per maltrattamenti in famiglia e lesioni alla propria compagna. 
M. V. nato in Moldavia, 32enne, irregolare sul territorio nazionale, con precedenti per reati contro il patrimonio è stato arrestato dalla squadra mobile  perché responsabile del reato di ricettazione e riciclaggio, con conseguente condanna da parte del tribunale di Parma.
C. A. nato in Moldavia, 21enne, irregolare sul territorio nazionale è stato arrestato dalla  Mobile  perché responsabile del reato di ricettazione e riciclaggio.
P. V. nato in Moldavia, 35enne, irregolare sul territorio nazionale in quanto rientrato illegalmente in Italia prima del termine previsto e senza la speciale autorizzazione del Ministro dell’Interno è stato arrestato  perché responsabile del reato di ricettazione e riciclaggio.
La materiale esecuzione dell’allontanamento è stata attuata nel corso del pomeriggio di sabato scorso, allorquando gli stranieri sono stati accompagnati da personale della polizia con la collaborazione della Guardia di Finanza  all’aeroporto di Parma per essere successivamente imbarcati su un aereo con destinazione Moldavia.
B. A. M., nato in Tunisia, 54enne, pregiudicato per reati di droga  è stato rintracciato sul territorio dai carabinieri di Fidenza. La posizione del cittadino straniero (già gravato da due espulsioni) è stata quindi attentamente vagliata dall’Ufficio Immigrazione, che è riuscito ad ottenere, presso le competenti rappresentanze diplomatiche, i documenti necessari ad attuare l’effettivo allontanamento dallo Stato. I carabinieri  lo hanno accompagnato alla frontiera marittima di Genova e da lì, imbarcato su una nave con destinazione Tunisia.