Sei in Parma

CORONAVIRUS

I Nas di Parma consegnano alla Regione 5 ventilatori requisiti

17 marzo 2020, 14:32

I Nas di Parma consegnano alla Regione 5 ventilatori requisiti

 I carabinieri del Nas di Parma hanno consegnato questa mattina al presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, 5 ventilatori polmonari automatici, originariamente destinati all’esportazione negli Emirati Arabi Uniti. Meta finale che sarebbe stata raggiunta attraverso un’operazione triangolare che partiva dall’azienda produttrice, del Parmense, passando per una ditta polacca. I ventilatori, requisiti dai Nas insieme all’Agenzia delle Dogane, sulla base del decreto del Prefetto di Parma, Giuseppe Forlani, verranno messi immediatamente a disposizione degli operatori sanitari regionali. Bonaccini ha ringraziato i militari e il Nas per il loro supporto: «E' un’operazione in linea con l’auspicio che avevo avanzato già all’inizio dell’emergenza sanitaria, quando insieme ai miei colleghi presidenti di Regione avevo chiesto, in quel caso riferito ai dispositivi di protezione individuale, che quelli prodotti in Italia rimanessero nel nostro Paese, arrivando, se necessario, alla loro requisizione». 

«Grazie di cuore all’Arma dei Carabinieri e all’intervento del Prefetto di Parma. Serve la linea dura: gli interessi economici vengono dopo la vita delle persone». A sottolinearlo il governatore dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, a proposito della consegna da parte dei Nas di cinque ventilatori polmonari destinati all’esportazione e che, invece, «ora vengono immediatamente messi a disposizione della nostra sanità regionale, del nostro personale sanitario che ne ha bisogno per curarci». 
«L'ho chiesto già al Governo all’inizio dell’emergenza a proposito dei dispositivi di protezione individuale», rimarca Bonaccini: «Quelli prodotti in Italia, devono rimanere nel nostro Paese, arrivando, se necessario, alla loro requisizione». Dunque, conclude il presidente della Regione, «bene che oggi quella proposta sia diventata legge, bene che sia fatta rispettare».