Sei in Parma

coronavirus

Dal Gruppo Riccoboni, 80.000 euro a Emilia Piemonte, e Puglia

25 marzo 2020, 21:02

Dal Gruppo Riccoboni, 80.000 euro a Emilia  Piemonte, e Puglia

Il Gruppo Riccoboni, che opera nelle bonifiche e trattamento di rifiuti industriali, devolve 80 mila euro a progetti di ricerca e assistenza sanitaria in Piemonte, Emilia Romagna e Puglia. L’intervento interesserà le realtà dove opera la maggior parte dei 240 dipendenti del gruppo: Parma (sede direzionale), Alessandria e Ostuni (Brindisi). 
In Piemonte la società Grassano supporta la campagna #Iofacciolamiaparte della Fondazione Uspidalet per dotare l'azienda ospedaliera di Alessandria di strumentazioni di avanguardia per il potenziamento delle dotazioni necessarie alla terapia intensiva e sub intensiva. L’azienda ha fatto anche una donazione al Comune di Casale Monferrato per l’ospedale Santo Spirito. 
In Emilia Romagna Riccoboni appoggia la raccolta fondi dell’istituto Right - Research Institute for Genetic and Human Therapy, ente di ricerca no profit, riconosciuto negli Stati Uniti e in Italia, specializzato nella ricerca su terapie e vaccini innovativi. 
«Di fronte all’emergenza straordinaria che il Paese sta vivendo, crediamo ancora di più che ognuno di noi possa fare qualcosa per battere il virus.Oltre ai posti letto attrezzati, crediamo sia altrettanto strategico offrire al nostro sistema sanitario anche una via per uscire, in tempi brevi, da questa emergenza. Abbiamo quindi devoluto una parte dei fondi a un progetto italiano di ricerca farmacologica per individuare una terapia antivirale efficace che possa favorire la cura dei tanti ricoverati», spiegano Marco e Angelo Riccoboni, amministratori unici della Riccoboni Holding. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA