Sei in Parma

CORONAVIRUS

I morti a Parma a marzo sono più del doppio di quelli attribuiti al Covid-19

02 aprile 2020, 13:07

I morti a Parma a marzo sono più del doppio di quelli attribuiti al Covid-19

E' successo in Cina (dove circa 45.000 urne cinerarie contrastano visibilmente con il numero ufficiale dei morti per Covid-19) ma anche a bergamo, dove il numero dei morti di marzo è molto superiore rispetto a quello attribuito al virus. E sta succedendo anche a Parma.

I dati Istat sui decessi reali nella nostra provincia, almeno per una parte dei comuni (25 su 44), aggiornati al 21 marzo mostrano numeri preoccupanti.  Confrontando i decessi nei primi 21 giorni di marzo di quest'anno con la media di quanto successo nel corrispondente periodo degli anni 2015, 2016, 2017, 2018 e 2019 si ricava che i decessi in eccesso nei primi 21 giorni di marzo di quest'anno non sono i 200 ufficialmente attribuiti al Covid, ma più del doppio (420 circa). In provincia, nei primi 21 giorni di marzo normalmente muoiono circa 1.250 persone, con poca variabilità  da un anno all'altro (2015: 1.290; 2016: 1.115; 2017: 1.296; 2018: 1.251; 2019: 1.282); quest'anno sono morte circa 1.670 persone.