Sei in Parma

CORONAVIRUS

Il gruppo consiliare PD: 'Urgente verificare le condizioni di salute nelle case di riposo di Parma'

03 aprile 2020, 12:37

Il gruppo consiliare PD: 'Urgente verificare le condizioni di salute nelle case di riposo di Parma'

"Quasi ogni giorno Sergio Venturi, commissario straordinario per l'emergenza della Regione Emilia Romagna, ripete che si deve prestare particolare attenzione alle case di riposo per anziani, sottolineando che l'attenzione dovrà essere prestata oggi e in futuro. Un appello che sottoscriviamo con la massima forza e ribadiamo la richiesta di procedere con assoluta urgenza possibile nella somministrazione di tamponi a tutti i soggetti che gravitano nelle CRA, degenti e personale, al fine di limitare quanto prima ogni possibile contagio ed approntare le condizioni di massima sicurezza possibile per tutti, isolando chi eventualmente risulti positivo". 

A scriverlo, il gruppo consiliare Pd, che continua: "Ci hanno contattato molti cittadini che hanno parenti ricoverati che non possono andare a trovare da oltre tre settimane, preoccupati per i loro cari. E ci hanno contattato anche molti operatori sia del settore pubblico (ASP) che privato a cui va il nostro grande ringraziamento per la straordinaria dimostrazione di umanità e professionalità che stanno dando in condizioni di criticità eccezionali. Tutti ci raccontano di alcuni casi di contagio nelle case protette e degli sforzi fatti per contenere il diffondersi di una malattia che in realtà peculiari come quella delle case di riposo, rischia di dilagare con effetti terribili per la popolazione anziana ivi residente e per i lavoratori ( alcuni tra l'altro a casa in malattia) e tutti ci spiegano la difficoltà del lavoro in questo contesto. Per questo, dopo averlo chiesto nelle sedi istituzionali che ci competono, chiediamo pubblicamente e con forza che le autorità locali procedano in ogni modo e con ogni mezzo e urgentemente alla verifica delle condizioni di salute interne alle strutture, anche per consentire una adeguata terapia per chi eventualmente avesse contratto il virus e limitare il contagio, mettendo nelle condizioni di maggiore sicurezza possibile i lavoratori e i degenti. Sappiamo che, dopo una lunga attesa, i dispositivi di protezione sono finalmente giunti nelle strutture pubbliche e di questo siamo confortati. Tuttavia non basta. Per questo rivolgiamo il nostro appello a tutte le istituzioni interessate e in prima battuta al Sindaco, chiedendo di intervenire e di essere presente personalmente anche per rassicurare personale e degenti delle case di riposo, ribadendo che tensione e senso di abbandono da parte delle istituzioni sono da troppo tempo all'ordine del giorno nelle strutture".

(Foto d'archivio)