Sei in Parma

coronavirus

Mascherine: a Parma da domani la distribuzione nelle farmacie. Ecco cosa serve

E da oggi in consegna i buoni spesa
 

14 aprile 2020, 09:47

Mascherine: a Parma da domani la distribuzione nelle farmacie. Ecco cosa serve

Buoni spesa e mascherine: questi sono i giorni in cui il Comune darà il via libera alla loro distribuzione. Oggi verranno spediti oltre mille buoni spesa elettronici, mentre domani inizierà la distribuzione delle mascherine alla popolazione. In città ne sono arrivate 88mila.
«Le mascherine verranno distribuite in farmacia», anticipa il sindaco Federico Pizzarotti. Una applicazione web permetterà ai farmacisti, dopo essersi fatti dare dal cliente il codice fiscale, di stabilire se la persona che hanno di fronte ha diritto o meno a riceverla. Questa selezione è data dal fatto che il numero delle mascherine è inferiore rispetto al totale degli abitanti. «Al momento daremo la precedenza agli over 65 e ad altre categorie deboli», aggiunge, ricordando che oggi verranno chiariti ulteriori criteri di distribuzione. «Verrà consegnata una mascherina a testa», dice, anche se sarà possibile ritirarne una per gli altri familiari che ne avranno diritto, in modo da ridurre gli spostamenti delle persone. Non solo: i figli potranno passare in farmacia per prendere le mascherine destinate ai genitori. Ma attenzione: la consegna avverrà solo dopo aver presentato la tessera sanitaria della persona a cui è destinata la mascherina.
Il Comune distribuirà poi le mascherine alle associazioni che lavorano con i senzatetto e altre categorie deboli, ai detenuti e agli studenti fuori sede che sono negli alloggi universitari. 
Inizierà invece oggi l'invio dei primi buoni spesa elettronici. Il Comune ha pronto un elenco di 1.060 domande già validate e inviate ad Edenred, la società con cui l'amministrazione ha stipulato un accordo per l’erogazione dei buoni spesa. Ad oggi, le domande ricevute online sono state 4.526, ma a queste devono essere aggiunte quelle ricevute per telefono dagli operatori da parte di chi è sprovvisto di computer.
«Le prime mille persone che hanno ottenuto il via libera all'erogazione dei buoni, domani (oggi per chi legge, ndr) riceveranno sul cellulare un sms con i codici per scaricare i buoni spesa elettronici», spiega l'assessore alle Politiche sociali, Laura Rossi. Nei prossimi giorni, sul sito del Comune, verrà anche pubblicato l'elenco dei negozi in cui poter spendere i ticket. Usarli sarà semplice: basterà passare lo smartphone davanti ad un lettore posizionato in cassa, che scalerà i buoni dalla spesa. «Si tratterà per la maggior parte di buoni quindicinali», precisa l'assessore.
Stando agli importi forniti nei giorni scorsi dal Comune, i buoni quindicinali andranno da un minimo di 100 ad un massimo di 260 euro. Per quanto riguarda la distribuzione dei buoni cartacei, invece, bisognerà aspettare ancora qualche giorno.