Sei in Parma

L'assessore Donnini

"Obbligo delle mascherine in Emilia Romagna quando tutti l'avranno"

16 aprile 2020, 15:23

"Obbligo delle mascherine in Emilia Romagna quando tutti l'avranno"

«Quando avremo la sicurezza di potere disporre di quel fabbisogno, in maniera strutturale, sicuramente lo imporremo come dispositivo di sicurezza di protezione individuale». Lo ha detto, rispondendo a una domanda sull'uso obbligatorio delle mascherine, l’assessore alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna Raffaele Donini.  In diretta su Lepida Tv, Donini, rispondendo ai quesiti dei cittadini sull'emergenza sanitaria, ha precisato: «Non ha senso imporre le mascherine con un’ordinanza quando, nelle ordinanze, viene scritto che in assenza di mascherine ci si copre il volto con qualsiasi altro indumento. Noi prenderemo in esame questo provvedimento, valutando l’obbligatorietà, quando avremo la disponibilità certa di mascherine per tutti».  I dispositivi individuali, ha aggiunto l’assessore, «non consentono la libertà di ogni movimento, non siamo immuni, ma è stato provato che limitino la propagazione del virus. Stiamo arrivando a dotarci di un fabbisogno di dispositivi di protezione individuali tale da soddisfare, in maniera strutturale, tutto il comparto sanitario e socio-assistenziale - ha concluso Donini - e anche le imprese, i lavoratori e i cittadini». 

C'è «preoccupazione per l’aumento del traffico veicolare» quando si allenterà il lockdown e, «dato che le fasi 2 e 3 per la ripartenza devono tenere conto dell’impatto ambientale, stiamo lavorando su un incentivo che inviti i cittadini a recarsi al lavoro in bicicletta (Leggi). La proposta è che la Regione metta a disposizione dei Comuni un milione di euro per incentivare il bike to work». Lo ha annunciato l’assessore all’Ambiente, difesa del suolo e della costa e della protezione civile Irene Priolo che, questa mattina, ha risposto alle domande dei cittadini sull'emergenza sanitaria in diretta su Lepida Tv. Focus anche sulla qualità dell’aria, su «cui approfittando del momento di lockdown, un momento unico, si stanno facendo accertamenti e campionamenti su tutto il bacino padano. Nella fase di fermo, sono diminuite le concentrazioni di Pm10 e del biossido di azoto, questo anche del 40%, sui dati hanno inciso anche fattori meteorologici».

Un cittadino «non può essere obbligato a usare un dispositivo di protezione individuale" quando entra al supermercato o in un negozio, «se usa la mascherina fa bene a sè stesso e alla collettività, ma non c'è l'obbligo. Usare i dispositivi è consigliato». Ha poi detto l'assessore all’Ambiente, difesa del suolo e della costa e della protezione civile Irene Priolo in diretta su Lepida Tv.  «La Regione - ha spiegato - al momento non ha un’ordinanza che imponga l’obbligo dei dispositivi di protezione, anche perchè i negozi sono obbligati a fare entrare il pubblico in modo contingentato». Se le attività commerciali forniscono «mascherine e guanti - ha sottolineato Priolo - è cosa buona e giusta, ma non può obbligare i clienti. Se tutti possiamo usare la mascherina, tutti aiutiamo a limitare il contagio. Non c'è obbligo, ma è buona pratica da mettere in campo». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA