Sei in Parma

coronavirus

9 morti e 43 nuovi positivi a Parma. Venturi: "Il futuro è tracciamento, test e trattamento. Oltre alle protezioni individuali"

18 aprile 2020, 17:27

9 morti e 43 nuovi positivi a Parma. Venturi: "Il futuro è tracciamento, test e trattamento. Oltre alle protezioni individuali"

Il commissario Venturi nel consueto report pomeridiano sull'aggiornamento dei dati e le valutazioni dell'emergenza coronavirus: "Dati quasi uguali a ieri". 62 morti in regione, 9 a Parma: "Gli epidemiologici ci consegnano un quadro di malattie iniziate due settimane, venti giorni fa". Il caso di Ravenna con zero decessi. 350 positivi in più "dato sovrapponibile a ieri", con 43 a Parma.  289 guarigioni, con esecuzione di 4394 test. 13 malati in meno nelle terapie intensive e 96 negli altri reparti. I guariti, 289 nuovi, rispetto a ieri. "A zero non ci arriveremo mai. Arriveremo ad una situazione in cui qua e là ci saranno nuovi casi: e in cui dovremo mantenere sempre il distanziamento sociale". La situazione negli ospedali: "Non c'è un giorno in cui si possa tirare il fiato: si sta cercando di riprendere l'attività sospesa e interrotta precedentemente. Si sta sanificando, si sta cercando di ritornare alla normalità. Anche se alcune migliaia di cittadini sono ancora ricoverati e stanno affrontando la malattia. Chi lavora negli ospedali non sta riducendo il lavoro. Si stanno riattivando le sale operatorie: alcune aree. Anche se la malattia dovesse scomparire non smantelleremo molti degli ospedali covid, o quanto meno le aree dedicate. Non vogliamo farci prendere di sorpresa da una malattia che ci ha colpito  molto violentemente". Ci stiamo preparando "in concerto con il governo alle tre "T": tracciabilità dei contatti avuti dai malati, con i movimenti. Così da passare alla seconda T, i test. Dovremo abituarci ad indossare i dispositivi,mascherine, guanti, e tutto ciò che serve a tenerci protetti dai contatti. Ovviamente al distanziamento sociale che preferisco definire distanziamento fisico". Infine la terza t: "Trattamento: gli ammalati hanno un kit farmacologico che perfezioneremo con farmaci che hanno dimostrato di poter contenere la malattia". Fondamentale: "Dividere i pazienti per non far diventare gli ospedali dei focolai". Test: "Arriverà il momento che i cittadini faranno i test a pagamento. Quando ricominceremo a girare a frequentare delle persone vorremo rassicurare gli altri e essere sicuri noi. Si faranno i test, ma si faranno nei laboratori quando testeremo che sono efficaci".  E' un po' tanto che siamo chiusi, come in tanti stati europei stiamo lavorando per poter arrivare alla declinazione di date e condizioni di sicurezza per arrivare ad una condizione in cui sarà possibile fare passeggiate in tranquillità".

 

I dati

In Emilia-Romagna sono 22.184 i casi di positività al Coronavirus, 350 in più rispetto a ieri. Aumentano le guarigioni: 289 le nuove registrate oggi. I test effettuati hanno raggiunto quota 121.220, 4.394 in più rispetto a ieri. Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione. Complessivamente, 9.166 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (118 in più rispetto a ieri). 296 i pazienti in terapia intensiva: 13 in meno di ieri. E diminuiscono anche quelli ricoverati negli altri reparti Covid (-96).

Le persone complessivamente guarite salgono a 5.635 (+289): 2.233 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 3.402 dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. Si registrano 62 nuovi decessi: 30 uomini e 32 donne. Complessivamente in Emilia-Romagna sono arrivati a 2.965. I nuovi riguardano 9 residenti nella provincia di Piacenza, 9 in quella di Parma, 10 in quella di Reggio Emilia, 9 in quella di Modena, 14 in quella di Bologna (1 nell’imolese), 2 in quella di Ferrara, nessuno in provincia di Ravenna, 4 nella provincia di Forlì-Cesena (2 nel forlivese e 2 nel cesenate), 5 in quella di Rimini; nessundecesso di persone di fuori regione.

Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 3.299 a Piacenza (25 in più rispetto a ieri), 2.768 a Parma (43 in più), 4.217 a Reggio Emilia (127 in più), 3.340 a Modena (39 in più), 3.325 a Bologna (58 in più), 354 le positività registrate a Imola (2 in più), 759 a Ferrara (15 in più). In Romagna sono complessivamente 4.122 (41 in più), di cui 921 a Ravenna (11 in più), 796 a Forlì (16 in più), 600 a Cesena (come ieri), 1.805 a Rimini (14 in più).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA