Sei in Parma

coronavirus

Secondo giorno consecutivo senza morti a Parma. 13 i positivi

18 maggio 2020, 17:43

Secondo giorno consecutivo senza morti a Parma. 13 i positivi

 Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 27.267 casi di positività, 35 in più rispetto a ieri: incremento davvero fra i più bassi mai registrati. 5.614 i tamponi effettuati, che raggiungono così complessivamente quota 263.888.  Le nuove guarigioni oggi sono 153 (17.756 in totale), mentre continuano a calare i casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi che a oggi sono scesi a 5.525 (-131).

Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali - relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Le persone in isolamento a casa, cioè quelle con sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 4.712, - 112 rispetto a ieri. I pazienti in terapia intensiva sono 105 (-6). Diminuiscono anche quelli ricoverati negli altri reparti Covid (-13). Le persone complessivamente guarite salgono quindi a 17.756 (+153): 1.732 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 16.024 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. Purtroppo, si registrano 13 nuovi decessi: 6 uomini e 7 donne. Complessivamente, in Emilia-Romagna sono arrivati a 3.986. I nuovi decessi riguardano 4 residenti nella provincia di Piacenza, 3 in quella di Modena, 4 in quella di Bologna (nessuno nell’imolese), 1 in quella di Ferrara, 1 in quella di Forlì-Cesena (in territorio cesenate). Nessun decesso di residenti a Parma, Reggio Emilia, Ravenna, Rimini e da fuori regione.

Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.433 a Piacenza (11 in più rispetto a ieri), 3.392 a Parma (13 in più), 4.892 a Reggio Emilia (1 in più), 3.876  a Modena (5 in più), 4.490 a Bologna (1 in più); 391 le positività registrate a Imola (dato invariato), 980 a Ferrara (nessun caso in più). In Romagna i casi di positività hanno raggiunto quota 4.813 (4 in più), di cui 1.012 a Ravenna (lo stesso dato di ieri), 937 a Forlì (lo stesso dato di ieri), 766 a Cesena (3 in più), 2.098 a Rimini (1 in più).

E’ una luce in fondo al tunnel. Questa Fase 2 è la fase in cui speriamo di sorridere di più mentre siamo stati molto tristi prima. Non mi sono potuto permettere di piangere perché bisognava rimanere lucidi, e cercare di infondere fiducia nelle tragedie. A me pare che la curva epidemiologica sia in discesa.” Così Stefano Bonaccini, presidente della regione Emilia Romagna ai microfoni di Rai Radio1 all’interno di Radio1 In VivaVoce condotto da Ilaria Sotis e Claudio De Tommasi. Un chiarimento sugli spostamenti: “Non è che avviene il trasferimento tra regione e regione per tutti. È solo per raggiungere i congiunti e nei territori di confine”.

Arriveranno i rimborsi per i pendolari dell’Emilia-Romagna che non hanno potuto usufruire dell’abbonamento ad autobus e treni del trasporto pubblico locale a causa del lockdown imposto dall’emergenza Coronavirus. E' quanto annuncia, in una nota, l’assessore regionale alla Mobilità, Andrea Corsini. 
«E' una misura doverosa giustamente attesa da tanti cittadini e che come Regione abbiamo sollecitato - osserva - non appena saranno definite le modalità operative, sarà nostra cura fornire a tutti gli interessati le indicazioni utili per usufruire di tale opportunità».  Il risarcimento dei costi dell’abbonamento è reso possibile dai fondi stanziati dal Governo con il dl Rilancio, che a breve sarà convertito in legge. Dopo questo passaggio, sarà possibile definire le procedure per accedere ai rimborsi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA