Sei in Parma

IGIENE PUBBLICA

Lotta alla zanzara tigre: le azioni del Comune e gli obblighi dei privati

25 maggio 2020, 19:14

Lotta alla zanzara tigre: le azioni del Comune e gli obblighi dei privati

Via libera del Comune al programma di lotta alla zanzara tigre per il 2020, in base alle indicazioni del piano della Regione Emilia Romagna.  Le principali azioni in corso di svolgimento e in programma riguardano il monitoraggio, i trattamenti larvicidi ed adulticidi. La nuova ordinanza sindacale prevede, fra le novità, l'obbligo di comunicare da parte di privati o ditte incaricate, con una settimana di anticipo,  i trattamenti adulticidi che intendono effettuare negli spazi privati, dal prossimo 15 luglio e fino al 15 settembre, mediante il nuovo servizio on line del Comune, al seguente link: https://www.servizi.comune.parma.it/servizio/it-IT/Comunicazione-di-trattamento-adulticida---lotta-alla-zanzara-tigre.aspx

Il programma approntato dal Comune prevede il monitoraggio puntuale e capillare dell’infestazione mediante il posizionamento di ovitrappole: 60 nel periodo estivo e 10 nel periodo invernale, nei siti individuati come habitat ideale dell’insetto dal personale del Servizio Igiene Pubblica dell’Azienda USL di Parma.

Trattamento larvicida.  Sono previsti tre turni di trattamenti antilarvali con avvio a partire dal mese di maggio, essi includono tutti i tombini della città e delle frazioni. Anche i privati sono tenuti ad attuare interventi di prevenzione e lotta alla zanzara tigre, per non rendere inutili gli sforzi dell’Amministrazione. Ai privati, nelle rispettive aree di pertinenza, spettano l’esecuzione di trattamenti larvicidi nelle caditoie presenti all’interno delle aree stesse. Inoltre si suggerisce di annaffiare poco e spesso, per non creare avvallamenti stagnanti nel terreno e di svuotare regolarmente qualunque tipo di cisterna o contenitore a partire dal semplice sottovasi.

Trattamento adulticida. Le nuove Linee Guida Regionali inquadrano la lotta agli adulti come intervento da attuare solo in via straordinaria prediligendo la lotta integrata, che si fonda prioritariamente sull’eliminazione dei focolai di sviluppo larvale, sulle azioni utili a prevenire la loro creazione e sull’applicazione di metodi larvicidi.