Sei in Parma

lavori

Via Versailles, società fallita, cavalcavia chiuso da quattro anni

Abitanti stanchi: «Situazione insostenibile». L'assessore Alinovi: «Al lavoro, ma l'iter è lungo»

01 giugno 2020, 10:04

Via Versailles, società fallita, cavalcavia chiuso da quattro anni

Sono quattro anni esatti che il sovrappasso dell’inceneritore è chiuso al traffico. La chiusura del cavalcavia di via Versailles - che corre lungo il tracciato dell’alta velocità e supera la Parma-Brescia e il canale Naviglio – è avvenuta nel maggio 2016 per motivi di sicurezza, legati a cedimenti del manto stradale. 
Il collegamento stradale ha funzionato per qualche anno, ma poi si sono evidenziati difetti nella costruzione del cavalcavia che hanno indotto il Comune a richiedere al realizzatore dell’opera di effettuare a proprie spese i doverosi e necessari interventi di ripristino. 
Ripristino che però non è mai stato completato, dato che nel frattempo la società realizzatrice è fallita. 
«Siamo stanchi di questa situazione – spiega Andrea Greci, a nome degli abitanti della zona – Abbiamo provato più volte a contattare il Comune e denunciato la situazione a Parma gestione strade, ma sono anni che non si vede anima viva ad interessarsi della questione. Più passa il tempo e più la situazione dell’area limitrofa al sovrappasso peggiora. Se le nostre richieste rimarranno ancora inascoltate vedremo di organizzarci in maniera più coordinata, per dare più forza alla nostra protesta». 
Michele Alinovi, assessore ai Lavori Pubblici, sottolinea come il Comune sia da tempo al lavoro per trovare una soluzione all’annoso problema. 
«Il cavalcavia di via Versailles è ancora chiuso perché è fallita l’azienda che doveva effettuare i lavori – spiega – Stiamo escutendo la fideiussione (ossia richiedendo il rimborso per l’inadempienza ndr) ma serve tempo, perché il soggetto attuatore doveva realizzare anche altre opere pubbliche che non hanno mai visto la luce. Tra queste, la bretella che avrebbe dovuto collegare via Forlanini fino a Bogolese». 
Per l’esattezza nell’aprile 2018 la giunta aveva dato il via libera al progetto esecutivo dei lavori di ripristino di via Versailles e del fondo stradale del viadotto sulla ferrovia Parma-Brescia e sul canale Naviglio, «a carico del soggetto attuatore del piano urbanistico attuativo di iniziativa privata di strada Ugozzolo» fallito poco dopo aver iniziato i lavori. 
Attende di essere riaperto al traffico anche il primo tratto della strada, che farebbe da “bretella” tra via Colorno e via Paradigna, subito a fianco dell’Alta velocità e dell’autostrada, per creare un percorso alternativo di collegamento tra città e autostrada, via Burla e lo Spip. 
Qui a fermare tutto è stato il ricorso di un privato che ha contestato le modalità dell’opera, che versa inutilizzata da oltre una decina di anni. L.M.