Sei in Parma

TRENI

Con l'orario estivo fermano venti «frecce»

Ripristinati tutti i collegamenti sospesi a causa della pandemia. Si potrà arrivare a Milano in 48 minuti. A Roma in 3 ore e mezzo

di David Vezzali -

14 giugno 2020, 11:51

Con l'orario estivo fermano venti  «frecce»

Da oggi Parma potrà contare su venti «frecce» per migliorare i collegamenti ferroviari con le altre città?
Con i nuovi orari ferroviari in vigore da oggi, tornano infatti a circolare tutti i treni Frecciargento (sette in andata e altrettanti in ritorno), Frecciabianca (due in andata e altrettanti in ritorno) e Frecciarossa (uno per Roma e ritorno) che fermavano a Parma, la maggior parte dei quali era stata sospesa per l’emergenza coronavirus. 
Alcuni hanno già ricominciato a viaggiare da pochi giorni, però sarà da domani che si completerà la ripresa di tutti questi convogli. E così si può di nuovo raggiungere Milano in 48 minuti con i Frecciargento «no stop» o arrivare a Roma in 3 ore e 30 minuti con il Frecciarossa. 
Per tutti gli altri treni gradualmente sta riprendendo la circolazione, attualmente già oltre il 90 per cento rispetto al periodo precedente l’emergenza sanitaria. 
E come tutte le estati, vengono intensificati i collegamenti con la riviera adriatica, anche con un treno regionale Ancona-Parma che si effettua la domenica.
Particolare attenzione è riservata da Trenitalia alla sicurezza dei viaggiatori e al «distanziamento sociale»: sui treni Frecciarossa e Frecciargento viene distribuito ai passeggeri un kit sicurezza gratuito (mascherina, gel igienizzante per mani, guanti in lattice e poggiatesta monouso) oltre a una lattina d’acqua, e gli ingressi e le uscite dalle carrozze sono separati, con segnaletica affissa sulle porte.  Importante anche la presenza a bordo di gel igienizzanti per le mani e la costante sanificazione degli interni dei vagoni.
Con l’orario estivo, Trenitalia lancia una nuova App, disponibile dal 19 giugno sugli store Android e iOS. Tra le principali funzionalità ci sarà il «self check-in», disponibile in una prima fase per tutti i biglietti delle «Frecce» e degli Intercity, e a breve anche per i treni regionali. Con un semplice click il viaggiatore potrà comunicare al capotreno, senza alcun contatto, la propria presenza a bordo.
 

 

SALUTE

Alito pesante? Non è solo questione d'igiene

Spazzolino, filo interdentale, colluttori devono essere un rito fin da piccoli Ma spesso l'alitosi è sintomo di malattie che vanno indagate: gola, reni,  fegato, polmoni, come affrontare il problema