Sei in Parma

CORONAVIRUS

Ora è un video il corteo di 30 ambulanze per ricordare le vittime del Covid - Video

10 luglio 2020, 12:50

Ora è  un video il  corteo  di 30 ambulanze per ricordare le vittime del Covid - Video

 

La Settimana della Pubblica 2020 è stata è stata particolare: non abbiamo potuto promuovere le nostre abituali...

Pubblicato da Assistenza Pubblica Parma Onlus su Sabato 4 luglio 2020

Il lampeggiante di un'automedica si accende. La sua luce porta speranza e rompe quel buio di mesi che sembravano non passare più. Mesi di malati, di morti, da portare via alla velocità di quella luce che brillava, squarciando il buio, sopra ai mezzi dell’Assistenza Pubblica. 
L’associazione di volontariato, che dal 1902 opera nella nostra città,   il 6 giugno   ha celebrato la sua  giornata speciale  poiché la settimana che, ogni anno, prevedeva appuntamenti per promuovere l’Assistenza Pubblica, purtroppo non si è potuta organizzare.
 Da quella giornata è nato un video (girato dagli operatori della Difly riprese video), che tutti possono vedere  su Facebook (sulla pagina Assistenza Pubblica Parma), testimonianza preziosa della luce che è seguita a quel tremendo periodo che abbiamo passato. 
Un filmato che strappa le lacrime, che commuove, ma che soprattutto fa capire quanto la città deve essere grata a tutti i ragazzi della Pubblica che, mai una volta, si sono tirati indietro davanti al mostro Covid. 
Il filmato inizia proprio con quel lampeggiante. L’automedica precede una fila di trenta ambulanze circa che hanno attraversato tutta la città fino ad arrivare in piazza Garibaldi. Uomini e donne dalla tuta arancione, i volti coperti dalle mascherine, guidano quei mezzi che sono serviti per troppe giornate nel trasporto di malati gravi. Volti sorridenti sbucano dai finestrini per salutare la cittadinanza. Poi l’arrivo in Comune nella sala comunale dove il sindaco Federico Pizzarotti e altre personalità ringraziano il presidente Luca Bellingeri, il comandante dei militi volontari, Filippo Mordacci, e tutti quanti fanno parte della grande famiglia dell’Assistenza Pubblica. 
«Durante l’emergenza abbiamo servito al meglio la città. Il mio grazie va a tutti i volontari (quelli che hanno partecipato attivamente e quelli che non hanno potuto) che non si sono mai tirati indietro  -  spiega Mordacci nel video -  Un grazie immenso anche alle famiglie che ci permettono di svolgere questo servizio. Famiglie che durante i mesi di grave emergenza ogni giorno ci vedevano uscire di casa, con il terrore che ci potesse succedere qualcosa. Moglie, figli e genitori che però non hanno mai perso il coraggio di allungarci la nostra divisa, donandoci tutto il supporto possibile». 
Il video termina con un’immagine che riempie il cuore di amore e commozione: un milite tiene in braccio i suoi due bambini piccoli. Tutti e tre con la mascherina salutano chi li sta riprendendo. La fatica, il dolore e il sacrifico stanno in quel saluto finale.