Sei in Parma

CAMPAGNA ABBONAMENTI

Gazzetta di Parma: non solo informazione per chi si abbona

Anche escursioni e mostre 

 

14 settembre 2020, 09:05

Gazzetta di Parma: non solo informazione  per chi si abbona

Non sono soltanto la voglia di tenersi sempre informati ed il risparmio economico a rendere conveniente la scelta di abbonarsi alla «Gazzetta di Parma». Ai nostri affezionati lettori – carta e digitale - riserviamo infatti pure la possibilità di partecipare a visite guidate, alla scoperta dell’infinita bellezza racchiusa nei «gioielli» del nostro territorio, siano essi paesaggistici o architettonici, monumentali o museali. 
«È una consuetudine che abbiamo avviato già da qualche tempo, a beneficio dei nostri abbonati. E che oggi rinnoviamo con una proposta ancora più strutturata, che si caratterizza per la presenza di almeno 2-3 appuntamenti fissi ogni mese» spiega Sabrina Schianchi, responsabile Marketing del Gruppo Gazzetta di Parma.  «Si parte il prossimo week end, con la visita ai palazzi storici di Parma in programma sabato 19 e la camminata lungo un tratto della via Longobarda prevista invece per domenica 20. Proseguiremo quindi sabato 26, con la mostra dedicata all’Antelami, in Battistero. In questo modo attiviamo anche un circuito virtuoso con altre importanti istituzioni culturali della nostra città. Gli eventi dedicati ai nostri abbonati – conclude Schianchi – avverranno nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza in materia anti-Covid 19, a cominciare dall’uso obbligatorio della mascherina». Le modalità di partecipazione restano uguali: occorre inviare una mail all’indirizzo marketing@gazzettadiparma.it, indicando nome e cognome dell’abbonato e di un eventuale accompagnatore. All’evento potrà partecipare solo chi riceverà la mail di conferma.

LE ESCURSIONI - I PALAZZI DI PARMA  LA MOSTRA DELL'ANTELAMI  E LA VIA LONGOBARDA
Per gli abbonati alla «Gazzetta di Parma» il primo appuntamento esclusivo è in programma sabato 19 settembre, con una passeggiata che toccherà le antiche dimore cittadine. «Cinque palazzi, compresi tra via Repubblica e via Farini: Pallavicino, Tarasconi, Giandemaria Belloni, Marchi e Rangoni. 
Un’occasione utile per far comprendere pure come è cambiato, negli anni, il tessuto urbano di Parma» racconta Alessandro Malinverni, che condurrà la visita insieme a Carlo Mambriani. 
L’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’Accademia Nazionale di Belle Arti e l’Università di Parma, il Centro studi e Valorizzazione delle residenze ducali di Parma e Piacenza ed il Fai di Parma. 
Storia e natura si mescolano invece nell’escursione lungo un tratto della Via Longobarda, che i nostri abbonati potranno apprezzare nella giornata di domenica 20 settembre e promossa insieme alla Sezione di Parma del Cai-Club Alpino Italiano. 
«Partiremo da Roccaferrara superiore, piccola frazione di Corniglio e che rappresenta uno dei borghi di origine medievale più interessanti dell’Alta Val Parma» anticipa Andrea Greci, giornalista e autore de «La Via Longobarda», volume in vendita a partire venerdì 18 settembre con la «Gazzetta di Parma» e terzo tassello della collana edita dal Cai, dedicata ai cammini storici del Parmense.
 «Da Roccaferrara – continua Greci –, percorrendo un’antica mulattiera, ci dirigeremo verso il Passo del Silara. E, da qui, al Monte Polo, dove si potrà godere di una vista mozzafiato».
Sabato 26 settembre, infine, gli abbonati al nostro quotidiano ammireranno da vicino il ciclo dei Mesi e delle Stagioni dell’Antelami, al centro della mostra allestita in Battistero. La visita sarà condotta dagli esperti di Archeovea.
 «Abbiamo aderito volentieri alla proposta della Gazzetta di Parma, che della nostra città è un’istituzione culturale di alto profilo» sottolinea Sauro Rossi, presidente della Fabbriceria del Duomo. 
«Nel percorso di valorizzazione delle bellezze architettoniche e monumentali di piazza Duomo, la collaborazione con lo storico quotidiano cittadino rappresenta la classica ciliegina sulla torta».
All’indirizzo mail marketing@gazzettadiparma.it, gli abbonati dovranno specificare – oltre al proprio nome ed a quello dell’accompagnatore – a quale delle tre visite intendono partecipare.