Sei in Parma

VIABILITA'

Infomobility: Il permesso si farà online. Per la sosta arriva la tariffa su misura

Sabato tornano le lezioni di monopattino. L'amministratore unico Ziveri: «Vanno guidati con prudenza». A ottobre esordio del car sharing a flusso libero con 15 veicoli. Biciclette: 4 postazioni di noleggio in più
 

di Pierluigi Dallapina -

16 settembre 2020, 11:58

Infomobility: Il permesso si farà online.   Per la sosta arriva la tariffa su misura

Meno traffico e quindi aria più pulita. L'obiettivo di Infomobility è questo e per riuscire a raggiungerlo scommette sulle tecnologie che semplificano il pagamento della sosta e che azzerano le code agli sportelli, sul car sharing a flusso libero e sul potenziamento delle postazioni dove poter noleggiare la bicicletta.
«Il nostro motto è “la città si muove con le persone”, perché nei nuovi progetti che andremo a realizzare abbiamo messo al centro il cittadino e le sue esigenze di mobilità», premette Michele Ziveri, amministratore unico di Infomobility, alla vigilia della 19ª edizione della Settimana europea della mobilità, che durerà da oggi a martedì prossimo. «Infomobility non è solo la società che fa le multe. Dobbiamo smarcarci da questa visione». A proposito di chiarimenti, Ziveri tocca anche il punto dei rincari delle righe blu, che in alcune zone hanno toccato il 50%.  «Si tratta di un adeguamento deciso dopo uno studio della sosta in altre città vicine, come Reggio, Modena, Brescia e Mantova. Noi eravamo gli unici a far pagare la sosta solo per 8 ore al giorno e a non farla pagare la domenica. Va però ricordato che il costo degli abbonamenti è rimasto invariato».
UNA APP SALTA-CODE
Si chiama Tap&Park ed è la app, già disponibile in altre città, che da ottobre permetterà di pagare la sosta in modalità «su misura», oltre che di acquistare online gli abbonamenti per parcheggiare sulle righe blu e nelle zone a traffico limitato. «La novità è che con questa app non si pagheranno commissioni. Inoltre, permetterà di prolungare la sosta o di interromperla in anticipo. Si pagherà solo il tempo di sosta effettiva. Restano comunque attive tutte le modalità di pagamento della sosta attive fino ad oggi, come Easy Park o la moneta», spiega Ziveri, ricordando poi che Infomobility avvierà un progetto pilota per consentire l'acquisto online degli abbonamenti mensili, trimestrali e semestrali. «È un sistema che permette di saltare le code allo sportello. Nel 2021 vorremmo riuscire a rendere acquistabili online tutti i tipi di abbonamento per la sosta». I titoli di carta, quelli che si comprano allo sportello di Infomobility o nelle tabaccherie convenzionate non verranno rottamati. «Non vogliamo penalizzare gli anziani, in quanto sono quelli che hanno meno dimestichezza con l'uso della tecnologia e delle app».
AUTO A «FLUSSO LIBERO»
A ottobre verrà posizionata anche l'ultima tessera per dotare Parma di tutti i servizi di mobilità sostenibile. Lo assicura Ziveri nell'annunciare l'attivazione del car sharing free floating, cioè delle auto pubbliche a noleggio e a parcheggio libero, dove a fare la differenza è proprio la possibilità di lasciare l'auto dove si vuole una volta finito di guidare. Adesso non è così: i veicoli car sharing vanno riportati in punti fissi, dove sono stati tracciati gli stalli di sosta per queste auto a noleggio. «Questo nuovo servizio, fortemente voluto dall'amministrazione comunale, potrà contare su 15 veicoli, 13 Opel Corsa Elegance e 2 veicoli commerciali Opel Combo». Sempre a ottobre verrà riattivata la possibilità per le aziende di servirsi del car sharing per gli spostamenti dei propri dipendenti.
«Con l’arrivo del car sharing free floating All Ways dal prossimo ottobre - dice l'assessore alla Mobilità, Tiziana Benassi - possiamo confermare che oggi Parma può competere con tutte quelle città italiane ed europee che hanno messo la mobilità sostenibile al centro del proprio processo di evoluzione urbana».
CRESCE IL BIKE SHARING
Il servizio di bike sharing si allarga grazie alle quattro nuove postazioni che entreranno in funzione tra fine settembre e inizio ottobre. Le postazioni saranno in via Volturno, nei pressi dell'ingresso dell'ospedale, piazzale Marsala, dipartimento di Ingegneria e la mensa del Campus, mentre sarà potenziata grazie a cinque colonnine in più la postazione di viale Osacca. Una volta completati i lavori, il numero delle postazioni passerà da 33 a 37 e la flotta delle bici a noleggio passerà dalle attuali 170 a 220.
LEZIONI DI MONOPATTINO
Il via libera all'uso dei 900 monopattini condivisi, messi a disposizione da Bit Mobility, Helbiz Italia e Wind Mobility, è scattato giovedì 3 settembre e dopo una settimana, come ricorda Ziveri, gli utilizzi erano già 17.393. «C'è grande entusiasmo nei confronti di questa novità». Ma non tutto quel che luccica è oro, perché con la novità sono arrivati i problemi: monopattini parcheggiati ovunque oppure usati senza badare alla sicurezza, tanto che nei giorni scorsi la polizia locale ha iniziato a multare i trasgressori. Per questo sono state programmate lezioni pubbliche e gratuite rivolte alla cittadinanza. «Nel protocollo sottoscritto con le tre aziende che hanno fornito i monopattini abbiamo previsto due giornate di formazione. La prima si è tenuta sabato scorso e la seconda è in programma questo sabato. L'uso dei monopattini non è banale, tutti devono guidarli con prudenza». Le lezioni di monopattino si terranno in piazza della Pace e in piazza Garibaldi, dove ci sono le cargo bike di Infomobility. I primi corsi saranno dalle 11 alle 13, mentre le lezioni pomeridiane andranno avanti dalle 16 alle 20. Forse, prima di mettersi alla guida è meglio ascoltare qualche consiglio.