Sei in Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Via Longobarda, la nuova guida sul cammino tornato alla vita

Da venerdì  con la Gazzetta   il volume di Andrea Greci sul sentiero   che ora  è  un  percorso escursionistico
 

16 settembre 2020, 11:18

Via Longobarda, la nuova guida   sul cammino tornato alla vita

La Via Longobarda (o Via Lombarda del Cirone) fu per secoli la naturale direttrice di collegamento tra le valli del Baganza e del Parma con la Lunigiana, valicando il crinale proprio in corrispondenza del Passo del Cirone. 
 Questa antica via sta ora rinascendo come percorso escursionistico, che sarà interamente segnato (sul versante parmense) nel corso dell’autunno del 2020. Dopo il grande successo dei primi due volumi, dedicati alla Via degli Abati e alla Via Francigena, il terzo volume della collana “Cammini storici dell’Appennino parmense”, edito dalla Sezione di Parma del Club Alpino Italiano, sarà appunto dedicato alla “Via Longobarda” e sarà disponibile in edicola con Gazzetta di Parma a partire da venerdì a 10 euro più il prezzo del quotidiano.
 Il volume, realizzato come i precedenti da Andrea Greci, presenta quindi in assoluta anteprima il percorso di questo Cammino, non solo con la descrizione dell’itinerario, schizzi cartografici e fotografie ma anche con numerosi approfondimenti culturali e raccoglie infine una preziosa introduzione storica del professor Gianluca Bottazzi. 
Il libro si propone di far conoscere, anche a chi frequenta costantemente l’Appennino parmense, un cammino inedito, che dai paesi della fascia pedemontana (Sala Baganza, Felino, Torrechiara, Langhirano) si sviluppa come un fascio di percorsi  ramificati che si riuniscono sulle alture di Tordenaso per poi seguire il crinale divisorio tra Val Parma e Val Baganza, lambendo le sommità del Monte Sporno e del Monte Montagnana, toccando la cima del Monte Cervellino e del Monte Polo, passando dai borghi di Corniglio e Bosco e giungendo infine al valico del Cirone, dove termina per il momento il percorso ufficiale della Via Longobarda.
 Il libro descriverà però anche la naturale prosecuzione del cammino fino alla Lunigiana, seguendo le due differenti e storiche direttrici che conducono rispettivamente a Pontremoli attraverso Pracchiola e Arzengio e a Filattiera passando per Logarghena e Rocca Sigillina. 

PER GLI ABBONATI - Domenica un'escursione tra storia  e natura 
pUna camminata tra storia e natura. Un viaggio nel tempo lungo l’antica Via Longobarda e le frazioni dell’alta  Val Parma.   Domenica si svolgerà un’escursione organizzata da Gazzetta di Parma in  collaborazione con la sezione di Parma del Club Alpino Italiano, che permetterà agli abbonati di conoscere uno degli angoli più affascinanti dell’Appennino parmense e di toccare con mano (anzi con piede) uno dei tratti descritti nel libro “La Via Longobarda” in edicola a partire da venerdì. Dopo il ritrovo alle 9.30 a Roccaferrara Superiore e la visita a questo antico borgo incastonato tra i boschi della Val Parma, l’escursione proseguirà su una vecchia mulattiera fino ai Madoni, un altro antico insediamento con case in pietra e poi fino al Passo del Silara, ai piedi degli affioramenti di roccia magmatica dell’omonimo monte. Nel caso le condizioni metereologiche lo permettano, il gruppo salirà poi fino alla panoramica cima del Monte Polo, straordinario belvedere sulle cime del crinale. 
L’escursione non presenta difficoltà tecniche ma si svolge su sentieri di montagna, con un dislivello di 250 metri e una durata complessiva di 1,40 h nel caso ci si fermi al Passo Silara e con un dislivello in salita di 460 metri e una durata complessiva (a/r) di 3,30 h nel caso si raggiunga il Monte Polo. Per partecipare occorre scrivere a marketing@gazzettadiparma.it indicando il nome dell'abbonato e di un eventuale accompagnatore con le rispettive date di nascita. Soltanto chi avrà ricevuto l'email di conferma, potrà partecipare alla visita.