Sei in Parma

We ACT Day 2020: torna l'appuntamento di Chiesi verso un futuro sostenibile

Quest’anno in modalità virtuale, tutte le filiali del Gruppo, dipendenti, comunità e partner dell’Azienda si riuniscono per ribadire l’impegno di Chiesi verso le persone, la comunità e l’ambiente

24 settembre 2020, 15:57

We ACT Day 2020: torna l'appuntamento di Chiesi verso un futuro sostenibile

Chiesi Farmaceutici, gruppo farmaceutico internazionale focalizzato sulla ricerca (Gruppo Chiesi), nella settimana di mobilitazione globale dedicata ai cambiamenti climatici, torna a celebrare il We ACT-Day: We Actively Care for Tomorrow. Un termine, “We Act”, lanciato da Chiesi nel 2018 come nome per il proprio programma di sensibilizzazione e coinvolgimento di tutti i dipendenti verso un modo consapevole e diverso di agire, che abbia un impatto positivo sulla società e l’ambiente.

Il We ACT-Day (24-25 settembre), si svolge in contemporanea in tutte le 29 filiali del Gruppo con la partecipazione di dipendenti, rappresentanti delle istituzioni del territorio e del mondo accademico, così come associazioni. Il 25 settembre non è una data casuale, ma coincide con l’anniversario della “nascita” dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs), a cui anche Chiesi ha aderito, impegnandosi su una selezione di 9 verso i quali ha ritenuto di poter dare il maggior contributo.

L’appuntamento 2020 è in diretta Streaming per tutti i dipendenti di Chiesi in Italia, ma viene celebrato comunque in tutto il Gruppo attraverso azioni locali. Questo, in ottemperanza alle attuali restrizioni dovute alla pandemia da Covid-19.

“Sono felice, nonostante i momenti difficili che abbiamo affrontato negli ultimi mesi a causa della pandemia, di tornare a celebrare il We Act-Day, un momento fondamentale per la nostra Azienda che, anche in qualità di Società Benefit e B Corp certificata, è impegnata tutto l’anno per creare benessere per la società, le persone e il pianeta - ha commentato Maria Paola Chiesi, Shared Value & Sustainability Head del Gruppo Chiesi -. Due giorni, quest’anno in forma virtuale, dedicati ad avere uno scambio di idee e best practice tra colleghi ma anche con ospiti esterni all’Azienda che possono portare importanti spunti per un continuo miglioramento delle nostre attività. Perché, ricordiamolo, erano, sono e saranno sempre le persone le vere protagoniste del nostro percorso”.

Quattro le sessioni relative a tematiche strettamente legate al percorso di sostenibilità che Chiesi ha intrapreso in questi anni: Comunità, Carbon Neutrality, Diversità & Inclusione (D&I) e Pazienti.

All’interno della sessione Comunità si parlerà dell’emergenza sanitaria e sociale vissuta negli ultimi mesi e della ripartenza, che ha un significato ancora più importante con “Parma Capitale della Cultura 2020 + 21”. Un viaggio attraverso i borghi del territorio di Parma e provincia per conoscere le istituzioni e le organizzazioni che sono state in prima linea per arginare l’emergenza sanitaria. Questo, oltre alla riscoperta e valorizzazione dell’identità chimico-farmaceutica della comunità di Parma, patrimonio culturale che si intreccia con il passato e presente del Gruppo.

Si discuterà poi di Diversità & Inclusione, due parole che aprono la strada a un modo nuovo di intendere il lavoro. Grazie a Valentina Dolciotti, editor e founder di DiverCity Magazine, infatti, si analizzerà il vero significato di D&I, con un focus sulle diversità in Chiesi, sulla leadership femminile e sulle differenze generazionali.

Nel 2019 Chiesi ha annunciato di voler raggiungere la neutralità carbonica entro il 2035. Per questo, anche in questa edizione del We Act-Day una sessione sarà dedicata a Environment & Carbon Neutrality in cui approfondire le tematiche di sostenibilità ambientale e di politica energetica con una serie di best practices mirate alla Carbon Neutrality.

Infine, si parlerà di pazienti, il fulcro dell’attività di Chiesi e della sua mission di migliorarne la qualità di vita giorno dopo giorno. Verranno passate in rassegna le aree terapeutiche del Gruppo portando testimonianze di pazienti, partner commerciali, associazioni e caregiver. A conclusione sarà lanciato il Chiesi Empathy Manifesto per ribadire la centralità del paziente per Chiesi.