Sei in Parma

Coldiretti

Mercato di "Campagna Amica", qualità e... parmigianità a Barriera Repubblica - Le foto

26 settembre 2020, 14:46

Chiudi
PrevNext
1 di 15

Un luogo speciale, dove fare una spesa salutare all’insegna della qualità, genuinità, stagionalità, con prodotti a km zero legati al territorio. Stiamo parlando del Mercato di Campagna Amica di Barriera Repubblica, aperto tutti i sabati mattina in Largo Calamandrei a Parma. “Si tratta- commenta Paola Bartoli presidente Agrimercato di Parma – di uno spazio in cui i produttori agricoli del circuito Campagna Amica incontrano i cittadini consumatori che desiderano fare acquisti di prodotti d’eccellenza provenienti direttamente dalle nostre aziende agricole, tutti garantiti dal marchio “Campagna Amica”, sinonimo di qualità, stagionalità, sostenibilità, distintività, rigorosamente in filiera corta. Questo brand – sottolinea Paola Bartoli – rappresenta un valore aggiunto per chi vuol fare acquisti consapevoli e trasparenti, affidandosi alla serietà e passione di noi produttori agricoli che ‘ci mettiamo la faccia’, incontriamo direttamente i consumatori e illustriamo loro i metodi di lavorazione, coltivazione, allevamento e trasformazione dei nostri prodotti dando anche utili consigli su come utilizzarli al meglio in cucina. Chi acquista cibo nei Mercati di Campagna Amica – prosegue Paola Bartoli- sperimenta direttamente questo valore aggiunto, cogliendo l’impegno di noi produttori per garantire al consumatore qualità, salubrità e origine certa di quello che mette in tavola. Il cittadino ha la certezza di trovare prodotti selezionati, provenienti direttamente dalle nostre aziende agricole locali, di origine controllata e garantita e di fare acquisti a favore della loro salute, dell’ambiente e dell’economia territoriale. Tutto questo – rimarca Paola Bartoli - è di estrema importanza soprattutto se pensiamo al periodo che stiamo attraversando, al difficile momento economico e ai tanti prodotti d’importazione che si trovano sugli scaffali, spesso anonimi, privi di una loro identità specifica e dei requisiti di sicurezza alimentare. Nei Mercati di Campagna Amica – sottolinea Paola Bartoli - noi portiamo la certezza dell’origine dei prodotti e la trasparenza, che sono un garanzia per il consumatore e un modo per rispondere ai bisogni dei cittadini attenti alla provenienza del cibo e alla qualità oltre che per combattere il falso Made in Itlay e la concorrenza sleale di chi, attraverso marchi e pubblicità ingannevole, si appropria illegittimamente dell’identità italiana dei prodotti agroalimentari”. Il mercato di Campagna Amica è, dunque, il luogo del cibo giusto, sano e garantito ed è alleato della salute e del benessere. “I prodotti venduti qui – evidenzia Paola Bartoli sono tutti genuini, rintracciabili, stagionali e raccolti al momento giusto, elementi basilari per una alimentazione sana e corretta, ricca di principi nutritivi essenziali, tipici della dieta mediterranea considerata tra i regimi alimentari più salutari al mondo, atta a contribuire alla prevenzione delle maggiori malattie della società moderna come, ad esempio, quelle cardiovascolari, il diabete e le patologie neurodegenerative. Il Mercato di Campagna Amica è il luogo ideale per il nostro “star bene”, dove recuperare il contatto diretto con la terra e con le tipicità gastronomiche locali, che fanno parte della storia e tradizione del territorio. E’, inoltre, uno spazio dove trasferire a cittadini, famiglie e bambini, attraverso il dialogo e il contatto diretto con i produttori agricoli, il valore del lavoro in campagna e la dedizione quotidiana degli agricoltori nella produzione di cibo e rispetto dell’ambiente. “Siamo - conclude Paola Bartoli - il punto d’incontro e di dialogo tra cittadini e agricoltori, il luogo dove si intrecciano la sana alimentazione e l’ecologia, il gusto della buona tavola e la tutela della salute, la filiera corta e le vere tradizioni contadine, quelle di una volta.” Il mercato Campagna Amica è anche un luogo sicuro per fare la spesa, nel rispetto di tutte le disposizioni e normative dettate in tempo di codiv-19.

© RIPRODUZIONE RISERVATA