Sei in Parma

MALTEMPO

Domani allerta rossa per il vento a Parma. Arancione per i fiumi

02 ottobre 2020, 17:24

Domani allerta rossa per il vento a Parma. Arancione per i fiumi

Allerta meteo anche per domani valida dalle 00:00 del 03 ottobre 2020 fino alle 00:00 del 04 ottobre 2020
Allerta ROSSA per vento per le province di PR, RE, MO, BO, FC, RN

Allerta ARANCIONE per piene dei fiumi per le province di PC, PR; per frane e piene dei corsi minori per le province di PC, PR; per temporali per le province di PC, PR; per vento per le province di PC, PR, RE, MO, BO, RA, FC, RN; 

Allerta GIALLA per piene dei fiumi per le province di PC, PR, RE, MO; per frane e piene dei corsi minori per le province di PC, PR, RE, MO, BO, RA, FC, RN; per temporali per le province di PC, PR, RE, MO, BO, RA, FC, RN; per vento per le province di PC, PR, RE, MO, BO, FE, RA, FC, RN; per mareggiate per la provincia di FE, RA, FC, RN.

Il meteo

Per la giornata di sabato 3 ottobre si prevedono, sul settore occidentale e sulle aree appenniniche, precipitazioni diffuse anche a carattere temporalesco di moderata/forte intensità, durante il mattino, in attenuazione nelle ore pomeridiane e serali.
Nella mattina e nelle ore serali i venti associati ai fenomeni descritti continueranno ad essere, sulle aree del crinale appenninico centro-orientale, di intensità pari o superiore a 88 km/h; sul crinale occidentale e sulle aree collinari centro-orientali tra 74 e 88 km/h, mentre sul resto del territorio la ventilazione sarà tra 62 e 74 km/h.


La preoccupazione della Prefettura

A seguito dell’allerta  meteo emessa oggi dall’Agenzia Regionale di Protezione Civile che prevede, per la giornata di sabato 3 ottobre condizioni di tempo perturbato sul settore occidentale e sulle aree appenniniche, con precipitazioni diffuse, anche a carattere temporalesco, di moderata/forte intensità al mattino ed in attenuazione nelle ore pomeridiane e serali, si è riunito in Prefettura il Centro coordinamento soccorsi. La Prefettura, con le altre componenti del sistema di Protezione civile, segue costantemente l’evoluzione dei fenomeni che potrebbero dare luogo, localmente, ad eventi intensi, in particolare in alta Val Taro, tali da generare piene impulsive.