Sei in Parma

carabinieri

Falso avvocato si fa consegnare ori da una 92enne. A Traversetolo messi in fuga i finti tecnici Iren

  Truffe: i consigli su come evitarle

03 ottobre 2020, 11:17

Falso avvocato si fa consegnare ori da una 92enne. A Traversetolo messi in fuga i finti tecnici Iren

Diverse truffe perpetrate nelle ultime settimana ai danni di anziani: alcune riuscite, altre no grazie all'intuito di chi doveva diventarne vittima.

Solo ieri due gli episodi: uno con protagonista un sedicente avvocato, l’altro con finti tecnici di società.

La prima truffa è purtroppo riuscita ed è avvenuta a Parma ai danni di una 92enne che ha consegnato ad un “finto” avvocato denaro e monili in oro come versamento per far scarcerare la nipote rimasta coinvolta in un incidente stradale ed in stato di fermo.

A Traversetolo la seconda truffa è fallita per la pronta reazione dell’82enne. Finti tecnici della società “Iren” con il pretesto di controllare la rete idrica hanno provato ad introdursi nell’abitazione per farsi consegnare anche in questo caso oggetti di valore. La reazione del proprietario di casa che ha intuito il raggiro ha indotto i malviventi a fuggire.

Ma tenuto conto che sempre più spesso, ormai, accadono episodi del genere, lArma dei Carabinieri, avverte le persone più a rischio, ma non solo.

L’invito è rivolto a tutti, di tenere gli occhi aperti. Prima di aprire la porta, controllare dallo spioncino e, se avete di fronte una persona che non avete mai visto, accertatevi della sua identità e qualifica, non aprire agli sconosciuti e non fateli entrare, soprattutto se siete soli, e non mandate i bambini ad aprire la porta. Non chiamate utenze telefoniche fornite da tali interlocutori, perché dall'altra parte potrebbe esserci un complice. Tenete a disposizione un'agenda con i numeri di pubblica utilità e dei vicini. Gli espedienti per entrare in casa sono tanti. I truffatori si spacciano per operatori di enti vari e, con la scusa di perdite di gas, rischio inquinamento e radioattività, controllo immondizia differenziata, vi invitano a mettere tutti i soldi e gioielli in una busta e riporli in un luogo da loro indicato (ad esempio il frigorifero): è un raggiro per rubarveli. A volte i truffatori esibiscono un falso tesserino di riconoscimento. Altre volte usano uniformi contraffatte. Un carabiniere non vi chiederà mai di consegnargli del denaro o altri valori per cauzioni, risarcimenti di incidenti stradali. Le Forze di Polizia operano di norma in divisa ed utilizzano autovetture di servizio, ben riconoscibili. Falsi amici: se vi avvicina o vi telefona qualcuno che sostiene di essere mandato dai vostri figli o nipoti o da un altro vostro congiunto e vi chiede denaro, è una truffa! Non consegnate denaro a nessuno, non credete ad alcun interlocutore con cui venite fatti parlare al telefono e che si spaccia per un vostro congiunto. Nel dubbio non aprite e chiamate sempre il 112.

© RIPRODUZIONE RISERVATA