Sei in Parma

coronavirus

Ospedali, test e antinfluenzale: la Regione si prepara ai prossimi mesi...

08 ottobre 2020, 14:45

Ospedali, test e antinfluenzale: la Regione si prepara ai prossimi mesi...

 Test sierologici da attivare sulla metà della popolazione regionale, un potenziamento degli ospedali, soprattutto dei reparti di terapia intensiva e un massiccio investimento sulla vaccinazione antinfluenzale, con l'obiettivo di non confondere i sintomi con quelli del Covid. E' la strategia per i prossimi mesi della Regione Emilia-Romagna. 
OSPEDALI - In Emilia-Romagna sono 690 i posti letto in terapia intensiva negli ospedali, di cui 573 attivabili per i pazienti Covid. Prima della pandemia erano 449. Attualmente la rete ospedaliera della Regione ha a disposizione per i pazienti Covid 115 posti letto di terapia intensiva, attualmente ne sono occupati circa 15. Ci sono poi 146 posti letto previsti dal progetto Covid Intensive Care che risultano attivabili in caso di recrudescenza della epidemia che attualmente non sono utilizzati. Si tratta dell’Ospedale Infermi di Rimini (18), Policlinico Sant'Orsola (14) Ospedale Maggiore di Bologna (34), Policlinico di Modena (30), Ospedale Civile di Baggiovara (18), Ospedale Maggiore di Parma (14). Reparti Covid, invece, sono attivi negli ospedali: 34 reparti di degenza ordinaria e 16 di terapia intensiva. Attualmente i pazienti ricoverati nei reparti Covid sono poco più di 200. 
TAMPONI E TEST SIEROLOGICI - In regione si fanno, in media, oltre 10mila tamponi al giorno. Ieri, mercoledì 7 ottobre, si è raggiunto il numero massimo di tamponi fatti in un giorno, con quasi 15mila. Dal 19 ottobre partirà una campagna per fare i test sierologici rapidi in farmacia, con esito in 15 minuti, per la ricerca degli anticorpi. Si stima di testare due milioni di persone, quasi un residente su due. Chi risulterà positivo, farà il tampone nasofaringeo per la conferma o meno dell’eventuale contagio da Covid. 
VACCINI INFLUENZALI - Lunedì 12 ottobre parte la campagna di vaccinazione antinfluenzale con molte più dosi disponibili rispetto all’anno scorso. Le dosi acquistate sono 1 milione e 200mila, circa il 30% in più rispetto alla passata stagione. Inoltre, nei contratti di fornitura viene prevista l’opzione di acquisto da parte della Regione di altre 230mila dosi. In questi giorni le aziende sanitarie stanno ricevendo i vaccini da distribuire ai medici di medicina generale. L’Emilia-Romagna, inoltre, ha chiesto alla Conferenza delle Regioni di istituire una cabina di regia nazionale in modo da fare avere eventuali partite in eccesso alle Regioni che non dovessero averne a sufficienza.