Sei in Parma

salute

Dal 16 novembre i vaccini antinfluenzali nelle farmacie

Lo assicura l'assessore regionale Donini dopo l'interpellanza di Fdi Tagliaferri: «Speriamo che stavolta le promesse vengano rispettate»

11 novembre 2020, 09:56

Dal 16 novembre i vaccini antinfluenzali nelle farmacie

Il vaccino antinfluenzale, i tempi di distribuzione e la quantità di dosi: sono  le questioni che il consigliere regionale di Fratelli d'Italia Giancarlo Tagliaferri ha portato in Aula, con un question time alla Giunta regionale. Perché, secondo l'esponente di Fdi, «a luglio invece che dire che si sarebbe voluto riaprire la scuola il 14 settembre senza organizzarsi con bus e mezzi pubblici, si doveva riflettere sul quadro di prevenzione, pensando ai vaccini e ai tempi di distribuzione».


L'assessore alla Sanità Raffaele Donini ha risposto: «La stagione scorsa abbiamo effettuato 800 mila vaccinazioni, quest'anno abbiamo attivato una gara per la fornitura di un milione e 200 dosi di vaccini, estendibili per un ulteriore 22%, arrivando a una popolazione vaccinata di un milione e 400 mila. La vaccinazione è orientata a popolazione fragile con patologie, per chi ha più di 60 anni e per categorie lavorative più a rischio, vedi quella sanitaria». 
«Ad oggi - ha sottolineato Donini - sono state vaccinate oltre 600 mila persone, quasi quanto tutta la stagione vaccinale dell'anno scorso, e sono già a nostra disposizione dosi per un milione e 200 mila persone».  «Le farmacie in tutta Italia anno avuto difficoltà a reperire i vaccini nei mercati internazionali e a livello nazionale si è deciso di conferire loro l'1,5% della complessiva dotazione dei vaccini delle Regioni, anche per la popolazione che non rientra nelle categorie già contemplate. Abbiamo voluto arrivare al 3% della nostra dotazione, quindi 36mila dosi, disponibili per i farmacisti dal 16 novembre:   vaccineremo un terzo della popolazione» ha concluso l'assessore Donini.


Tagliaferri   si è detto  in parte «soddisfatto della replica dell'assessore, sperando che vengano mantenute le date prefissate e che si possano soddisfare tutte le domande».  «L'assessore Donini è stato intellettualmente onesto - ha sottolineato l'esponente di Fratelli d'Italia -: rispondendo a una mia interrogazione in Assemblea legislativa ha comunicato che le dosi dei vaccini arriveranno nelle farmacie il 16 novembre: ha confermato, cioè, che la Regione è totalmente in ritardo sulla vaccinazione antiinfluenzale della popolazione a rischio. Un grave errore in piena pandemia da coronavirus. Ci auguriamo per il bene dei cittadini emiliano-romagnoli che le date comunicate dall'assessore Donini questa volta vengano rispettate, ma è grave che la Regione, dopo aver fatto campagne stampa per dire ai cittadini "vaccinatevi" e aver inondato i mass media dicendo "quanto siamo bravi che siamo pronti con i vaccini", si faccia trovare sguarnita. Le spiegazioni offerte dalla Giunta, ovvero che i fornitori hanno preferito mettere a reddito i vaccini invece che rispettare gli accordi presi con la Regione dimostrano la poca autorevolezza della Giunta regionale. Ripetiamo quello che diciamo da questa estate: meno pubblicità e più fatti».