Sei in Parma

CARABINIERI

Langhirano, arrestati ladri seriali di bancomat e carte di credito

17 dicembre 2020, 11:19

Langhirano, arrestati  ladri seriali di bancomat e carte di credito

Nei giorni scorsi, i carabinieri  hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere su disposizione del tribunale nei confronti di un 40enne (Carmine Pilato), e la misura degli arresti domiciliari per un 27enne (Daniele Pilato), per i reati di concorso in furto aggravato e continuato, nonché di indebito utilizzo di carte di credito e di pagamento.

L’indagine è partita dalla denuncia-querela presentata, il 3 luglio 2019 alla stazione dei carabinieri di Langhirano, da un camionista che il giorno prima, durante le operazioni di carico merce (prosciutti), subiva il furto del borsello custodito all’interno della cabina del suo camion. Poco dopo, il malcapitato si rendeva conto che attraverso il bancomat era stata asportata la somma di 2.000 euro, tra prelievi e spese presso un centro commerciale di elettronica di Parma. Altri autotrasportatori, in data 11 giugno, 28 luglio e 22 settembre 2020, denunciavano ai carabinieri di Langhirano furti di portafogli, sempre custoditi all’interno di articolati, rubati mentre erano intenti ad effettuare operazioni di carico merce. Anche in queste circostanze venivano prelevate centinaia di euro attraverso l’uso indebito dei bancomat.

Le indagini brillantamente eseguite dai carabinieri di Langhirano  hanno consentito di ricostruire analiticamente tutte le varie fasi dei delitt. Attraverso il paziente controllo delle telecamere di sorveglianza delle varie zone interessate, è stato possibile ricostruire  i vari passaggi dell’auto utilizzata dagli indagati, a partire dalla zona dei furti sino alla zona ove si trovano gli istituti di credito presso i quali i bancomat/carte di credito sono state indebitamente utilizzate. Dal raffronto delle immagini è stata ricostruita pertanto tutta la dinamica dei singoli accadimenti, con identificazione sia dell’auto usata che dei due responsabili.

Pertanto, il Giudice per le Indagini Preliminari, alla luce degli elementi indiziari acquisiti, ritenendo la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza a carico degli indagati, nonché il concreto e attuale pericolo (gli ultimi fatti risalgono a meno di tre mesi fa) che i prevenuti, se lasciati liberi, compiano nuovi reati di natura predatoria, ha disposto la misura cautelare in carcere per uno e gli arresti domiciliari per l’altro. L’arrestato è stato associato alla Casa Circondariale di via Burla. Peraltro Daniele Pilato  (agli arresti domiciliari) proprio oggi è chiamato a rispondere, dinanzi al Tribunale di Parma, di altri furti commessi (uno in concorso con  Giovanni Pilato) a  Sorbolo e San Polo Torrile tra giugno e dicembre 2014, con modalità assolutamente sovrapponibili a quelle oggi in contestazione.