Sei in Parma

vicesindaco

Botta e risposta fra la Lega e Bosi sul caso Svoltare Onlus

10 gennaio 2021, 16:45

Botta e risposta fra la Lega e Bosi sul caso Svoltare Onlus

“Il vicesindaco Bosi non scarichi le responsabilità su altri. Assurdo sostenere che la Lega abbia finanziato la Cooperativa/Onlus “Svoltare” piuttosto s’informi sull’iter di affidamento dei bandi per la gestione di migranti che vengono scritti ed indetti dalle singole Prefetture. Quando la Lega è stata al governo, prima con il decreto sicurezza 1 e poi con un decreto del ministro ha rivisto le modalità dei bandi e delle forniture dei servizi razionalizzando i costi e ottimizzando i servizi, tagliando circa 1,7 miliardi rispetto alle Precedenti gestioni che cubavano 2,2 miliardi. Per questo puntare il dito contro a Salvini è inconcepibile.

Se il nostro vicesindaco sostiene che la Lega abbia favorito il business dell’accoglienza siamo di fronte a un serio problema. Dal 2018, in consiglio comunale, chiediamo spiegazioni. Ora basta nascondersi: Pizzarotti e la sua amministrazione facciamo chiarezza alla cittadinanza e rispondano alle domande che la Lega sta formulando da diverso tempo”.

Lo dichiara Sabrina Alberini, referente provinciale di Parma Lega Emilia.

LA REPLICA DI BOSI

Questa la replica del vicesindaco Bosi postata sul suo profilo Facebook:

"Nelle dichiarazioni della Lega di questi giorni, abbastanza scomposte e mai nel merito, non vi è una sola tesi che tenti di confutare quanto da me affermato e confermato nel documento che ho pubblicato. Riscriviamolo nel caso non fosse chiaro: quando la Lega era al governo, e Salvini vice presidente del Consiglio, sono stati finanziati circa 1 milione di euro a Svoltare successivamente all’esposto del Comune. È forse falso? La Lega dimostri che non è così: le risposte le dia ai cittadini, ma carte alla mano.

Il problema, in realtà, è la narrazione dei leghisti: puntano il dito contro chi cerca di gestire fenomeni complessi, ma al Governo hanno finanziato quei soggetti contro cui oggi puntano il dito. È un fatto inequivocabile dimostrato da quest’altro documento ufficiale. Io sono garantista da sempre e affermo che la giustizia farà il suo corso, e che la politica è più complessa di come la racconta la Lega. Se però la Lega vuole parlare di finanziamenti che partissero dai loro, cioè quando Salvini era Ministro degli Interni e aveva potere decisionale. Troppo facile altrimenti."

LA CONTROREPLICA DELLA LEGA

"Il nuovo tentativo del vice Pizzarotti di fare confusione sul caso Svoltare è segno di disperazione, ma c’è un limite, anche in politica, al dire tutto e il contrario di tutto.  Bosi si metta d’accordo con se stesso e con i suoi compagni di giunta: per mesi hanno rimproverato Salvini e la Lega al governo di voler mettere i migranti in mezzo alla strada, di aver bloccato i progetti d’accoglienza, abbassato i contributi a coop e onlus, cancellato i permessi umanitari e chiuso i porti all’immigrazione clandestina. Oggi, invece, lo accusa del contrario: la cosa è già di per sé ridicola. 

Nel suo anno al Governo Matteo Salvini da Ministro dell'Interno ha messo un freno all’immigrazione selvaggia riducendo gli sbarchi del 80% e tagliato il business dell’accoglienza di 1,7 miliardi di euro. 

Pensare che i prefetti delle città italiane chiedano al Ministro dell’Interno il permesso di far lavorare questa o quella cooperativa, peraltro per servizi assegnati in base a gare europee, è indice di analfabetismo istituzionale. Dallo scoppio dello scandalo Svoltare, iniziamo ad avere seri dubbi che nella Giunta Pizzarotti ci sia qualcuno che conosce le regole dei bandi pubblici."

Così il gruppo Lega in Consiglio comunale