Sei in Parma

Con Alessandro Malinverni e Nicola Trotta alla scoperta della moda del ‘700

22 gennaio 2021, 10:28

Con Alessandro Malinverni e Nicola Trotta alla scoperta della moda del ‘700

Si terrà ogni venerdì a partire dal 5 febbraio, dalle 18 alle 19, sulla piattaforma Skype, il seminario in 4 incontri dal titolo Quattro donne alla moda: Luisa Elisabetta di Parma, Madame de Pompadour, Caterina di Russia e Maria Antonietta.

Ideato e dallo storico dell’arte Alessandro Malinverni, sarà condotto da lui e da Nicola Trotta, sarto ed esperto di moda de XVIII sec. Mentre Malinverni illustrerà gli episodi più significativi della committenza delle quattro protagoniste del secondo Settecento - compresi i loro ritratti -, Nicola Trotta partirà proprio da questi ultimi per analizzare e approfondire le diverse componenti dei capi e degli accessori indossati tra 1740 e 1790. La scelta è caduta su tre sovrane (Luisa Elisabetta, Caterina e Maria Antonietta) e su una favorita (Madame de Pompadour), la cui influenza sulle arti è assimilabile a quella delle regine più illuminate del periodo, particolarmente sensibili nei confronti della moda e delle sue implicazioni in termini di propaganda culturale e politica.

“La storia della moda e del costume consente di instaurare proficue relazioni con altre discipline, in primis con la Storia dell’arte, oltre alla Letteratura, la Sociologia, l’Economia, e sviluppa in coloro che la studiano una certa sensibilità nei riguardi delle culture del passato” dichiara Malinverni alla nostra redazione. “La lettura iconica non è il solo fine di questa disciplina: occuparsi di storia della moda e del costume significa addentrarsi negli aspetti più profondi delle varie tipologie di linguaggio: da quello visivo a quello storico-narrativo, passando necessariamente per quello grafico-espressivo”.

L’iniziativa è promossa dall’associazione culturale Il Cavaliere Blu. La quota di partecipazione al seminario prevede uno sconto per i soci del Cavaliere Blu, gli amici di Argento Vivo e gli abbonati alla Gazzetta di Parma. Per ulteriori informazioni, occorre inviare una mail a ilcavaliereblu1903@libero.it.