Sei in Parma

PARMA E PROVINCIA

Giornata della Memoria: così Parma ricorda: incontri, concerti e un docufilm. Tutto online

26 gennaio 2021, 10:08

Giornata della Memoria: così Parma ricorda: incontri, concerti e un docufilm. Tutto online

In quest'anno segnato dall'emergenza sanitaria, il Comune di Parma, la Provincia di Parma e la Comunità Ebraica hanno deciso di celebrare il Giorno della Memoria del 27 gennaio attraverso la realizzazione di un video di racconto della Parma Ebraica: una narrazione contemporanea nel contesto della nostra terra per ricordare le vittime dell’Olocausto nell’anniversario della data in cui le truppe dell’Armata Rossa liberarono i pochi superstiti del campo di concentramento di Auschwitz, in Polonia, nel 1945.

 L'iniziativa è stata patrocinata e promossa dal Comune, con l'unanime sostegno dei gruppi consiliari, e dalla Provincia, con la collaborazione della Comunità Ebraica e di OperArt e il supporto del  Complesso museale della Pilotta e del Museo Ebraico di Soragna.

Il video “Parma ebraica e il territorio”, visionabile sul canale youtube Città di Parma, prende avvio dall'insediamento ebraico parmense a partire dalla fine della prima metà del XVI secolo. Attraverso la voce narrante di Antonietta Centoducati e le musiche del maestro Riccardo Joshua Moretti, vengono raccontate la bellezza delle sinagoghe, i tesori raccolti nel Fondo De Rossi al Complesso Monumentale della Pilotta, i documenti e tradizioni del popolo ebraico fino alle conseguenze delle leggi razziali antisemite del 1938 che portarono all'Olocausto. La sceneggiatura è di Eddy Lovaglio, con la regia di Paolo Gepri.

In questo difficile momento segnato dalla pandemia il calendario delle iniziative promosse dal Comune è comunque ricco e variegato.

 

INCONTRI ONLINE
L’assessorato alla Cultura ha organizzato una serie di incontri online, rivolti alle scuole di ogni ordine e grado, nati dalla collaborazione tra le Biblioteche comunali Alice, Guanda e Internazionale Ilaria Alpi e il Centro Studi Movimenti di Parma con l’obiettivo di sensibilizzare le giovani generazioni tenendo viva in loro la conoscenza e la memoria della nostra storia anche nelle sue pagine più tristi. I webinar proposti hanno ottenuto un boom di adesioni coinvolgendo centinaia di alunni e insegnanti da tantissime scuole.

Protagoniste degli incontri promossi dalle Biblioteche saranno l’autrice Gigliola Alvisi che partendo dal suo libro “Una rivoluzione di carta” (ed. Piemme) parlerà della figura di Jella Lepman e della nascita della più grande biblioteca dedicata alla letteratura per l’infanzia al mondo e Anna Sarfatti che, attraverso le vicissitudini di Samuele Finzi e della sua famiglia, racconterà ai bambini cosa accadde agli ebrei in Italia tra il 1938 e la fine della Seconda Guerra Mondiale a partire dal libro “L’albero della memoria. La Shoah raccontata ai bambini” (ed. Mondadori) scritto insieme a Michele Sarfatti e illustrato da Giulia Orecchia. I due incontri curati dal Centro Studi Movimenti saranno riproposti a tutta la cittadinanza sui canali YouTube dell’Associazione e del Comune di Parma: da domani  pomeriggio   sarà disponibile la registrazione dell’incontro “Sopravvivere al Lager” con Riccardo Goruppi, ex deportato nel lager di Dachau; mentre dal pomeriggio di giovedì sarà pubblicata online la registrazione di Panorama Auschwitz, la visita virtuale all’ex lager di Auschwitz- Birkenau con Michele Andreola, educatore e guida presso il museo Memoriale di Auschwitz.   Numerose poi le proposte in programma per domani promosse da alcune delle principali realtà culturali cittadine. 

 

TEATRO DUE
Oggi alle  18.30 la Fondazione Teatro Due nell’ambito di Teatro Due Classic, la programmazione on line di spettacoli tratti dal proprio ricchissimo archivio, ripropone Himmelweg (La via del cielo) l’opera del madrileno Juan Mayorga con cui Gigi Dall’Aglio, nel 2014, tornava ad occuparsi, dopo L’Istruttoria, dell’Olocausto. Lo spettacolo, interpretato da Roberto Abbati, Alessandro Averone e Massimiliano Sbarsi, con i video di Lucrezia Le Moli, i costumi di Emanuela Dall’Aglio e le luci di Luca Bronzo, sarà trasmesso in streaming sui canali social di Fondazione Teatro Due (YouTube TeatroDueParma / Facebook TeatroDueParma) e del Teatro Elfo Puccini di Milano, che tributa così un affettuoso ricordo a Gigi Dall’Aglio, recentemente scomparso. Alla trasmissione dello spettacolo seguirà, alle   20.30 circa, un incontro in diretta con la direttrice di Fondazione Teatro Due Paola Donati, l’autore Juan Mayorga e gli attori. Lo spettacolo sarà disponibile fino alle   24 del 31.

 

LENZ 
Dalle  10 alle  24   Lenz Fondazione presenta in streaming Rosa Winkel (Triangolo rosa):   creazione di Maria Federica Maestri e Francesco Pititto su  deportazione e  sterminio degli omosessuali nei campi di concentramento nazisti, parte del Progetto permanente sulla Resistenza e l’Olocausto di Lenz Fondazione, fruibile  gratuitamente sul sito www.lenzfondazione.it.

 

 CONSERVATORIO
 Alle 17 sarà trasmesso dall’Auditorium del Carmine, in streaming gratuito sul canale YouTube del Conservatorio  Arrigo Boito, il Concerto per il Giorno della Memoria, dedicato a compositori, tra cui Stravinskij, Bernstein e Schönberg, che hanno saputo raccontare gli orrori della guerra, dell’esilio, ma anche la forza della preghiera, la speranza, il desiderio di pace. Il concerto apre l’VIII edizione de “I Concerti del Boito”, realizzati dal Conservatorio   in collaborazione con Comune - Casa della Musica, Università e Pastorale Universitaria di Parma.

 

 EUROPA TEATRI
 Europa teatri nei giorni 29, 30, 31 gennaio realizzerà un'installazione performativa nel teatro di via Oradour 14, fruibile dall'esterno del teatro, e un video diffuso sui suoi canali social “Per intrecciare ghirlande coi ricordi”: parole e immagini ispirate ad una poesia di autore ignoto datata 1941 dal titolo “ Vedrai che è bello vivere”. Voce   Chiara Rubes; installazione a cura di Ilaria Gerbella, Lucia Manghi e Chiara Rubes.

 

 CENTRO GIOVANI FEDERALE
 Il Centro Giovani Federale propone   attività concepite come laboratori tra il creativo, ludico e conoscitivo ispirati alla frase celebre di Primo Levi “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario”.  Oggi:  “se il gioco è un insegnamento” – laboratorio sul gioco “Parma città divisa” attraverso l’approccio ludico si farà conoscere la storia della città ai ragazzi, tanti dei quali  sono di origine straniera e non hanno quindi la possibilità di farsi raccontare eventi del passato dai familiari. Venerdì: “se riconosciamo le tracce nelle nostre strade” – laboratorio conoscitivo sui luoghi della città attraverso la mappa dei luoghi significativi si ricostruiranno per poi riconoscerle, le tracce della Memoria.


LICEO TOSCHI
 Il liceo artistico   propone: oggi dalle 18 alle 21 videomapping «Le pietre d’inciampo» sulla Pilotta. La superficie muraria della Pilotta, lato ovest, diventerà lo schermo per la proiezione delle storie di deportati di origine ebraica o protagonisti della Resistenza raccontate dagli studenti del  Toschi, indirizzo Audiovisivi, guidati dal professor Gennari. L’iniziativa fa parte del progetto nazionale «Proiettiamo sui muri la storia delle pietre d’inciampo»  ed è stata resa possibile dall’accordo con il Complesso monumentale della Pilotta il cui direttore,   Simone Verde, ha accettato  il progetto, che gode  del patrocinio del Comune. L'evento sarà trasmesso anche sulla pagina Facebook di Zai.net a partire dalle   19:    saranno disponibili i video delle proiezioni di Parma e Bologna. In contemporanea sul sito di Zai.net (www.zai.net) sarà possibile vedere lo streaming dell’evento dalle tre città. Sui canali social di Zai.net (@zainetmagazine su Facebook, Twitter e Instagram) verranno condivisi, nel corso dell’evento, contenuti in diretta dalle tre le città coinvolte.
 


PROVINCIA 
Sorbolo Mezzani Tre nuove pietre d'inciampo, lezione a cielo aperto

SORBOLO MEZZANI   Sono tre le nuove pietre d’inciampo presenti nel territorio di Sorbolo Mezzani, che si vanno a sommare alle altre sei già installate agli inizi di gennaio del 2020. Il progetto delle pietre – sampietrini ricoperti da una lastra di ottone incastonati in strade e marciapiedi – nasce per dare un volto e fare memoria delle vittime della deportazione nazifascista nei campi di concentramento e sterminio durante la Seconda guerra mondiale.

Per gli ovvi motivi legati alla pandemia, quest’anno la posa, avvenuta nella mattinata di sabato e promossa dal comune di Sorbolo Mezzani, in collaborazione con l’Istituto storico della Resistenza di Parma, l’Anpi di Sorbolo Mezzani e la Comunità ebraica di Parma, non è stata accompagnata da un momento di raccoglimento aperto all’intera cittadinanza, ma la cerimonia è stata presieduta unicamente da rappresentanti dell’amministrazione comunale, dell’Anpi di Sorbolo Mezzani, dal direttore dell’Isrec Marco Minardi e dalla storica Irene Rizzi. Ad assistere erano presenti, inoltre, gli studenti della 3ªA e 3ªB delle scuole medie di Mezzani e il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. Le prime due pietre sono state posate in via Martiri della Libertà, a Mezzano Inferiore, in ricordo dei fratelli Natan e Avram Baruch. Natan e Avram, di religione ebraica, in seguito all’invasione della Jugoslavia, decisero di fuggire verso la costa dalmata. Dopo l’arrivo a Spalato, i Baruch in breve tempo furono trasferiti dalle autorità italiane nel comune di Mezzani dove vissero come “internati liberi”.

Il 20 dicembre 1943 i due fratelli furono arrestati di notte a Mezzano Inferiore dai tedeschi, e internati nel campo di Scipione. Nonostante la grande solidarietà dei mezzanesi, Natan e Avram furono trasferiti a Fossoli il 3 marzo 1944, dove il mese successivo furono condotti ad Auschwitz. Lì Avram morì, mentre Natan riuscì a salvarsi e a sopravvivere. A Casale di Mezzani, invece, in strada della Resistenza, è stato ricordato il partigiano sappista Giacomo Fontanili, attivo nel Comando provinciale Sap. Giacomo, originario di Collecchio, è stato arrestato a Casale di Mezzani il 6 gennaio del ‘45 e deportato prima nel campo di Bolzano e poi a Mauthausen, dove morì l’8 maggio. «Raccontare – ha commentato l’assessore alla Cultura, Cristina Valenti – significa conoscere la storia, farla propria. Dopo il momento di oggi, noi tutti abbiamo il dovere di testimoniare per la memoria viva di queste persone, che qualcuno ha cercato di annullare».

 

Fornovo  -  Incontro virtuale con gli studenti
Visto il periodo complesso, che impedisce di organizzare commemorazioni pubbliche, il comune in collaborazione con la biblioteca comunale ha proposto alla scuola un’iniziativa dedicata al Giorno della Memoria e al Giorno del Ricordo 2021, vista la vicinanza delle due date commemorative.

La proposta prevede un «incontro» virtuale con gli studenti che include: un’introduzione generale sull’importanza della memoria storica su ognuna delle commemorazioni, la lettura tratta dal libro «Julka, ti racconto», che affronta in tono narrativo ed adatto ai giovani il dramma dei confini orientali, delle foibe e dell’esodo, l’allestimento di una «vetrina» con numerosi volumi di saggistica e narrativa, che trattano il tema dell’olocausto; quest’ultima rimarrà esposta in biblioteca per almeno 14 giorni.  «Inizialmente- spiega l’assessore alla cultura,

Alessandro Savi- avevamo pensato ad un incontro per via telematica durante l’orario scolastico, durante il quale la responsabile del servizio bibliotecario potesse svolgere le attività, ma dal confronto con gli insegnanti , che ringrazio per l’adesione e la disponibilità- è emerso che sarebbe più proficuo realizzare una video-lettura da recapitare alla scuola affinché gli insegnanti la possano poi visionare con gli studenti e avere così materiale che resterebbe a disposizione per approfondimenti. Intendiamo in seguito mettere il video a disposizione anche della cittadinanza e quindi caricarlo sul sito (https://sites.google.com/view/www25aprilefornovocom/home) che l’Amministrazione vuole diventi una repository di tutto il materiale che riguarda le date legate alla celebrazione della Repubblica, della Liberazione, della Memoria e del Ricordo».

In occasione del Giorno della memoria è prevista inoltre, nelle prossime settimane, un’iniziativa per celebrare Pellegrino Riccardi, Giusto d’Israele: al pretore di Fornovo che dopo l’8 settembre 1943, riuscì a salvare diversi ebrei fornendo loro documenti falsi con cui poterono espatriare in Svizzera, sarà intitolata, dopo la biblioteca dell’Istituto Gadda ed il piazzale della stazione, anche l’anagrafe comunale. 

 

Sala Baganza - Tre video  sui deportati del Parmense
Il 27 gennaio del 1945 i cancelli di Aushwitz venivano abbattuti mostrando al mondo gli orrori dei campi di concentramento nazisti.  Quest’anno anche il giorno della Memoria dovrà essere celebrato in forma virtuale e il Comune di Sala Baganza proporrà, sui suoi canali ufficiali, tre brevi video dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età contemporanea. Marco Minardi, direttore dell’Istituto, insieme a due storici suoi collaboratori, parleranno del complesso lavoro, che stanno conducendo, di ricerca e schedatura di tutti i deportati del parmense. Oltre alle dichiarazioni degli storici sarà disponibile il link che rimanda alla pagina internet dove la ricerca, che è in continua evoluzione, è stata pubblicata. 

 

Traversetolo -  Libri ad hoc  in biblioteca  e webinar
 Il Comune di Traversetolo, la biblioteca comunale e l’istituto comprensivo celebrano il Giorno della Memoria 2021, che ricorre il 27 gennaio, aderendo al programma di iniziative online rivolto alle scuole di ogni ordine e grado promosso dal Comune di Parma in collaborazione con il Centro studi movimenti e le biblioteche comunali Alice, Guanda e internazionale Ilaria Alpi. L’obiettivo è continuare a sensibilizzare le giovani generazioni tenendo viva in loro la conoscenza e la memoria della storia, anche delle sue pagine più drammatiche. Tre i webinar proposti attraverso la piattaforma Zoom, a cui studenti, studentesse e docenti potranno prendere parte attiva confrontandosi direttamente con testimoni, autori e autrici.

La biblioteca comunale, inoltre, ha predisposto una ricca bibliografia sul tema della Shoah e dello sterminio degli ebrei durante il secondo conflitto mondiale, sia per gli adulti che per i più giovani.  Parte sarà consultabile sul sito del Comune mercoledì 27 gennaio, mentre, già da questa settimana, nella rubrica «L’angolo dei libri» dedicata propone autori e titoli sull’argomento: da Isaac Bashevis Singer, autore polacco ebreo, Premio Nobel per la letteratura nel 1978, alle ultime novità in biblioteca e ai libri sul tema disponibili online tramite EmiLib.

 

Borgotaro -  Si parlerà  di Massimiliano Kolbe
 L’associazione culturale “Don Antonio Beccarelli”, la Caritas, e la comunità ecclesiale di Sant’Antonino Martire in Borgotaro, hanno organizzato  un incontro-riflessione su: «Massimiliano Kolbe, il Santo di Auschwitz». L’incontro si svolgerà nella chiesa di San Domenico, a Borgotaro (Piazza Mons. Squeri), alle ore 17,45.


Basilicagoiano  - Breve cerimonia all'aperto
L'amministrazione comunale ha organizzato un breve momento di solennità all’aperto, che si terrà mercoledì 27 gennaio alle 9, nel Parco Piccole Vittime dell’Olocausto di Basilicagoiano, alla presenza di un numero molto contenuto di invitati.