Sei in Parma

CORONAVIRUS

Iniziate le vaccinazioni agli ultra ottantenni in assistenza domiciliare

L’obiettivo è vaccinare a casa alcune migliaia di persone a Parma e provincia

03 febbraio 2021, 17:16

Iniziate le vaccinazioni agli ultra ottantenni in assistenza domiciliare

Anche a Parma e provincia è iniziata ieri (2 febbraio) la vaccinazione contro il coronavirus rivolta alle persone con più di 80 anni che sono assistite al loro domicilio.

Sul nostro territorio, si tratta di alcune migliaia di persone non autosufficienti che saranno vaccinate a casa loro. La vaccinazione è offerta anche ai coniugi, in qualità di caregivers, cioè di coloro che prestano assistenza. Gli interessati alla vaccinazione sono contattati dal proprio medico di famiglia congiuntamente ai professionisti dell’AUSL che valutano l’opportunità della somministrazione, in base alle condizioni di salute. In questa fase, quindi, gli anziani ultra ottantenni in assistenza domiciliare non devono telefonare per prenotarsi, ma attendere la chiamata.

“Per questa particolare fascia di popolazione – afferma Anna Maria Petrini, commissaria straordinaria dell’AUSL di Parma – l’avvio della campagna vaccinale è graduale, con piccoli gruppi giornalieri di anziani. L’attività è poi implementata in modo continuativo e progressivo in base alle indicazioni e agli obiettivi della Regione Emilia-Romagna”.

LA PROGRAMMAZIONE

Questa settimana sono 40 gli anziani da sottoporre a vaccinazione (di cui 10 già vaccinati ieri, 10 oggi a Parma, 10 domani nel distretto Sud-Est e 10 venerdì nel distretto di Fidenza). La programmazione poi continua, con un progressivo aumento delle persone vaccinate per questa categoria.

CHI ASSICURA IL SERVIZIO

L’attività vaccinale garantita al domicilio è assicurata dalle équipe infermieristiche mobili dell’AUSL, insieme ai medici Ausl delle Unità Straordinarie di Continuità Assistenziale (USCA) e ai medici di famiglia.

IL VACCINO

Per questa fascia di popolazione è utilizzato il vaccino Moderna.