Sei in Parma

CORONAVIRUS

"Il 9% degli operatori delle Cra non ha voluto vaccinarsi"

Gianluca Borghi: "in nessun modo  il diritto di scelta di pochi può pregiudicare la salute degli anziani fragili"

10 febbraio 2021, 19:31

"Il 9% degli operatori delle Cra non ha voluto vaccinarsi"

L’amministratore unico di ASP Gianluca Borghi ha rilasciato queste dichiarazioni:

“ Con la somministrazione della seconda dose di vaccino al Covid-19 il prossimo 18 febbraio agli ultimi operatori, trascorsi i 21 giorni dalla prima somministrazione, terminerà in ASP la campagna vaccinale iniziata lo scorso gennaio.

I dati di partecipazione volontaria – afferma Borghi- sono assolutamente positivi: solo 5 degli oltre 300 anziani residenti nelle 6 CRA di ASP si sono infatti sottratti alla vaccinazione, mentre il 91% degli operatori di ASP ha aderito alla campagna.

Questi risultati, molto significativi, sono stati ottenuti grazie alla sensibilità degli operatori, ad azioni formative, conoscitive e di ascolto verso gli operatori stessi e gli anziani ospiti ed i loro famigliari messe in campo da ASP, cui si è aggiunta l’opportunità di effettuare le vaccinazioni anche in contesto ospedaliero per gli operatori ed i residenti in CRA che abbiano manifestato reazioni allergiche in occasione di passate vaccinazioni.

Questa esperienza, straordinaria ed inedita, ha anche mostrato la grande integrazione tra tecnici di AUSL ed il personale sanitario e sociosanitario di ASP, impegnati in una inedita integrazione funzionale ed organizzativa: a tutte e tutti loro va il mio ringraziamento, a nome dell’Azienda pubblica.

Alla luce delle norme vigenti, che non prevedono la possibilità per i soggetti gestori di servizi Sociosanitari di obbligare il personale alla vaccinazione, gli operatori che hanno rifiutato di compiere questo atto di responsabilità, oltre ai dispositivi di protezione individuale prescritti dalle normative regionali dovranno sempre indossare, durante il servizio nelle Case Residenza Anziani, anche tuta e visiera in plexiglas: in nessun modo – conclude Borghi- il diritto di scelta di pochi può pregiudicare la salute degli anziani fragili ospiti delle CRA.”