Sei in Parma

ASSISTENZA PUBBLICA

Pubblica e Avis insieme per dire grazie a Lucarelli

"Non si deve giudicare il merito di un uomo dalle sue grandi qualità, ma dall’uso che sa farne"

01 aprile 2021, 10:12

Pubblica e Avis insieme per dire grazie a Lucarelli

Nei giorni scorsi, Alessandro Lucarelli, ex capitano, oggi dirigente sportivo del Parma Calcio, assieme alla volontaria Cristina Ubaldi, ha ricevuto presso la sede dell’Assistenza Pubblica, una targa come ringraziamento per il suo aiuto e sostegno alla campagna di sensibilizzazione alla cultura del dono, organizzata dalla nostra associazione e dal gruppo Avis Comunale di Parma.

Presenti alla cerimonia, ridimensionata nel rispetto di tutte le normative anti-Covid vigenti, anche Giancarlo Izzi, Presidente Avis Comunale Parma e Filippo Mordacci, Comandante del Corpo Militi della Pubblica.

«Mi fa veramente piacere - ha spiegato Alessandro Lucarelli, ex capitano e dirigente sportivo del Parma Calcio - mettermi a disposizione per queste iniziative a fin di bene. Credo sia fondamentale lavorare in squadra. La realizzazione di un video per promuovere la donazione del sangue è stata un bellissimo progetto, che dimostra la forte sinergia tra due realtà, quella della Pubblica e di Avis. Quando c'è la possibilità di aiutare chi ha bisogno mi sembra il minimo agire, quindi voglio ringraziare di cuore chi mi ha dato l’opportunità di fare questa cosa. Se ci sarà occasione futura, potrete sempre contare su di me».

«Sono donatrice di Avis e milite in Assistenza Pubblica - ha detto Cristina Ubaldi. Ritengo che donare il proprio tempo, e le proprie risorse agli altri, ora come non mai, sia necessario. Sono contenta di aver preso parte a questo progetto. Non è semplice sensibilizzare alla cultura del dono, ma sono sicura che piano piano si raccoglieranno tutti i risultati. Dobbiamo solo seminare».

«C’è la convinzione di molti - ha aggiunto Giancarlo Izzi, Presidente Avis Comunale Parma - che due associazioni di volontariato debbano rimanere separate e lavorare in autonomia. Questo progetto, assieme alla Pubblica, dimostra il contrario. Grazie ad Alessandro Lucarelli siamo riusciti a promuovere la sensibilizzazione alla cultura del dono, e a far crescere la popolazione dei giovani donatori. Donare il sangue è una scelta importante, significa donarsi agli altri. Questo è un gesto che richiede costanza e il rispetto di certe regole. C’è bisogno di sangue per curare malati gravi tutti i giorni, e dare per scontato che sia sempre reperibile quando necessario, non è giusto. Ognuno ha una motivazione diversa per donare. Donare il sangue significa vedersi come parte di una società in cui “l’altro” ci interessa. Infatti, quando si dona, è come se si dicesse: “Io mi preoccupo per te!”. Il sangue dei donatori cambia una storia, una vita, concede la forza di superare interventi difficili. Senza una l’atto della donazione, niente di tutto questo sarebbe possibile. Ringrazio di cuore la Pubblica e Alessandro Lucarelli per essere scesi in campo al nostro fianco!».

«Con Avis - ha affermato Filippo Mordacci, Comandante del Corpo Militi dell’Assistenza Pubblica di Parma - abbiamo realizzato un bellissimo progetto, collaborando insieme. Supportarsi a vicenda è fondamentale. Voglio ringraziare davvero, a nome di tutta l’associazione, Alessandro Lucarelli e Giancarlo Izzi. Credo che il messaggio di questa iniziativa, scaturito sul cittadino, sia quello di una collaborazione forte tra due realtà, che a Parma, operano attivamente per aiutare il prossimo. I nostri mondi, anche se diversi, sono entrambi bellissimi e accomunati dallo stesso spirito di solidarietà, come testimoniato da Cristina, volontaria in Pubblica e allo stesso tempo donatrice in Avis. Dalla collaborazione delle nostre realtà non poteva che nascere qualcosa di magnifico».