Sei in Parma

via zarotto

«La scuola nel Parco», un altro passo avanti

21 aprile 2021, 09:58

«La scuola nel Parco», un altro passo avanti

Parte il cammino che porta alla realizzazione de “La scuola nel Parco”, il nuovo istituto secondario di primo grado (scuola media) previsto dal Comune nell’ex area militare del Castelletto, tra via Zarotto e via Sidoli. Martedì sera è stata sottoposta all’esame della commissione consiliare “Urbanistica ed edilizia” la variante urbanistica per cambiare la destinazione d’uso dell’area compresa tra via Sidoli e la prima parte di via Zarotto e via Gronchi. 
«La variante – ha spiegato Michele Alinovi, assessore all’Urbanistica e Lavori Pubblici – trasforma quest’area, che nei piani urbanistici previgenti era destinata in gran parte a una lottizzazione residenziale, a uno spazio che avrà l’edilizia scolastica come funzione prevalente. Si tratta di un passaggio fondamentale per dare realizzazione a “La scuola nel parco”».
 La Provincia ha approvato la variante, i pareri di Arpae e Ausl sono favorevoli «con delle condizioni da verificare in fase attuativa – ha precisato l’assessore –. Si tratta di aspetti legati alla verifica dello stato dei suoli e del clima acustico». 
Una relazione geologico-sismica è già stata predisposta ed è presente nella variante. «Non sono emerse criticità sul terreno – ha aggiunto Alinovi – ma effettueremo una indagine a tappeto, per essere completamente tranquilli rispetto all’insediamento della nuova scuola».
 E’ quindi seguita la presentazione del progetto alle commissioni Urbanistica, Scuola e Lavori Pubblici, convocate congiuntamente da parte dei progetti, di Alinovi e dell’assessore alla Scuola Ines Seletti.
 La nuova scuola avrà un costo di 9,6 milioni e sarà in gran parte monopiano, suddivisa in cinque “mini complessi” collegati tra loro. Nel nuovo istituto – che ospiterà 500 studenti divisi in 7 sezioni e 21 classi – verrà trasferita la media Puccini, che ora ospita 310 studenti, oltre ad alleggerire il peso delle iscrizioni che grave sulle altre scuole limitrofe.
 Gli spazi attualmente occupati dalla Puccini (dietro il Tardini) saranno destinati alla confinante primaria Pezzani. 
La nuova scuola e il parco occuperanno soltanto una parte dell’ex area Castelletto, compresa tra via Sidoli e la prima parte di via Zarotto e via Gronchi, pari a 25mila metri quadrati. Negli spazi confinanti in futuro dovrebbe sorgere una scuola primaria, da unire alla nuova media, per dar vita a un istituto comprensivo da mille studenti. Non solo. La striscia di terreno che si trova tra l’incrocio con via Montebello e via Gronchi dovrebbe ospitare l’Archivio di Stato.
 Gastone Demaldè, preside istituto comprensivo Puccini, ha precisato che il progetto «la settimana scorsa è stato presentato al consiglio di istituto e ha ricevuto un buon riscontro». 
Sandro Campanini, Daria Jacopozzi (Partito Democratico), Roberta Roberti (Gruppo Misto) e Giuseppe Massari (Parma Protagonista) hanno presentato una serie di osservazioni legate alla sicurezza, al verde e alla disposizione del plesso.
Luca Molinari