Sei in Parma

due arresti

Uno aveva rubato un cellulare, l'altro non rispettava le regole anti-Covid: entrambi aggrediscono i carabinieri

23 aprile 2021, 11:05

Uno aveva rubato un cellulare, l'altro non rispettava le regole anti-Covid: entrambi aggrediscono i carabinieri

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Parma, con il supporto dell’Unità cinofila di Bologna, hanno effettuato un controllo antispaccio in particolare dove ci sono scuole, parchi e zone adiacenti.

Con l’apertura delle scuole, sono ripresi i controlli all’interno ed all’esterno dei plessi scolastici. Fortunatamente il fiuto del cane non ha rilevato sostanze stupefacenti. Nei prossimi giorni inizieranno nuovamente gli incontri, come avviene ogni anno, inerenti a tematiche che interessano la legalità, tra i referenti dell’Arma dei Carabinieri e gli studenti di ogni ordine e grado.

Al termine del servizio sono state controllate centinaia di persone e mezzi, arrestate due persone e sequestrati oltre 30 grammi di hashish. Alle 11 i militari della Sezione Radiomobile transitando in strada Massimo D’Azeglio hanno notato un giovane filippino correre in direzione di Piazzale Santa Croce.

Il ragazzo, poi identificato in un 20enne residente in città, era inseguito da due uomini di carnagione chiara. Uno dei due,  un 63enne italiano residente in provincia, urlava di essere stato derubato del  cellulare. I militari, dopo aver effettuato una inversione di marcia e, accortisi che il ragazzo era salito su un bus, hanno fermato il mezzo pubblico bloccando l’unica via di fuga del giovane. Il 20enne, realizzato di non avere più possibilità di fuggire, ha aggredito i carabinieri per aprirsi un varco, ma inutilmente.

In evidente stato di alterazione psicofisica dovuto all’uso di anfetamine, a fatica si è riusciti a farlo salire in auto e portarlo in caserma. Nel corso della colluttazione il giovane ha perso il cellulare appena rubato. Al termine degli accertamenti è stato arrestato per furto e resistenza a pubblico ufficiale e trattenuto nelle camere di sicurezza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il cellulare è stato restituito al proprietario.

All’interno del Parco Ducale i Carabinieri della Stazione di Parma Oltretorrente unitamente all’unità cinofila, nel corso di un controllo ad un gruppo di persone situate nel prato posto nei pressi del palazzetto Eucherio Sanvitale, grazie al fiuto del cane hanno rinvenuto nella base sottostante al monumento centrale un pacchetto oltre 30 grammi di hashish, ben occultato e coperto da due sassi. Tutte le persone presenti sono state identificate e nel corso del controllo invitate ad evitare assembramenti e a mantenere il distanziamento ed indossare la mascherina.

Un 44enne di origine cubana, in Italia senza fissa dimora, per tutto il tempo ha mantenuto un comportamento strafottente e non rispettoso delle regole. In considerazione che, imperterrito, continuava col suo comportamento,  gli è stata contestata la prevista sanzione amministrativa. Nel corso della redazione del verbale l’uomo improvvisamente si è scagliato contro i militari, che a fatica sono riusciti a fermarlo. Condotto in caserma è stato arrestato per resistenza, violenza e minaccia a Pubblico Ufficiale, nonché lesioni personali: un militare è dovuto ricorrere alle cure mediche del pronto soccorso.