Sei in Parma

carabinieri

Nuove truffe online: due vittime e cinque denunciati. E continuano gli interventi per maltrattamenti in famiglia

01 maggio 2021, 10:07

Nuove truffe online: due vittime e cinque denunciati. E continuano gli interventi per maltrattamenti in famiglia

Ieri in tutto il parmense sono stati numerosi i controlli effettuati dalle pattuglie in servizio perlustrativo sul territorio dalle Compagnie che dipendono dal Comando Provinciale Carabinieri di Parma.

Complessivamente, sono state controllate oltre 250 persone e 40 esercizi commerciali.

A Parma i militari, con il supporto di due unità del Nucleo Cinofili di Bologna, hanno effettuato un servizio di contrasto allo spaccio nei parchi del centro. Il fiuto dei cani dell’Arma ha permesso di ritrovare numerose dosi di hashish ed eroina nascoste tra i cespugli. Nella stessa occasione è stato denunciato per violazione della normativa sugli stupefacenti un cittadino tunisino di 30 anni, trovato in possesso di droga e di due bilancini di precisione. Durante i controlli sono stati inoltre rintracciati e denunciati tre extracomunitari irregolari sul territorio italiano. Altre tre persone residenti a Parma sono state, infine, segnalate alla Prefettura come assuntori di stupefacente.

A Monticelli i militari della Stazione, a seguito di alcuni accertamenti investigativi, hanno denunciato per truffa un uomo che, attraverso abili raggiri, era riuscito a farsi accreditare la somma di 2.600 euro da un residente a Montechiarugolo, senza però inviare la merce concordata.

A Tizzano, i Carabinieri hanno identificato quattro autori di un’altra truffa on line che si erano fatti accreditare la somma di 700 euro da una giovane tizzanese per l’acquisto di un pc portatile mai giunto a destinazione.

Nuovamente l’Arma invita chi utilizza i siti web di compravendita di fare molta attenzione: accertarsi sempre che il venditore sia affidabile e soprattutto diffidare delle offerte troppo vantaggiose. In caso di sospetti, interrompere la compravendita e chiedere maggiori elementi per verificare la vera identità dell’interlocutore.

Molti gli interventi anche per liti tra le mura domestiche. In tre episodi, di cui due a San Pancrazio ed uno a Colorno, i Carabinieri delle Stazioni, hanno denunciavano, a seguito di ripetute vessazioni psicologiche e fisiche, tre uomini ritenuti responsabili di maltrattamenti in famiglia. Anche per tali situazioni l’Arma invita chiunque versasse in situazioni di disagio in ambito familiare di rivolgersi alle autorità per evitare più gravi conseguenze.