Sei in Parma

CULTURA

"I like Parma": città aperta e tesori da vivere. Ecco cosa accadrà nel weekend

Sabato e domenica, insieme al Fai, il Comune spalanca le porte nei luoghi di arte e storia. Grandi e piccoli a caccia di curiosità con le guide

13 maggio 2021, 11:14

"I like Parma": città aperta e tesori da vivere. Ecco cosa accadrà nel weekend

In  occasione delle Giornate Fai di Primavera, sabato  e domenica, l’assessorato alla Cultura del Comune di Parma organizza, in collaborazione con la Delegazione Fai di Parma e con il sostegno del Ministero della cultura e «Parma, io ci sto!», la quinta edizione di «I like Parma. Un patrimonio da vivere» con un ricco programma di aperture straordinarie e gratuite di palazzi, conventi, chiese, chiostri e spazi culturali di eccezionale valore storico-artistico, un’occasione unica per visitare luoghi nascosti e generalmente poco conosciuti e guardare con occhi nuovi la città designata Capitale italiana della cultura 2020+2021.

Il programma di aperture straordinarie promosso dal Fai di Parma per le Giornate di Primavera 2021 offre al pubblico la visita a ben sette luoghi di ineccepibile bellezza, a partire dall’elegante Villa Picedi, denominata comunemente anche «Villa del Vescovo» poiché nell’Ottocento il Vescovo di Parma Francesco Magani era solito soggiornarvi durante l’estate, i cui interni sono riccamente affrescati, passando per uno dei complessi monumentali più importanti della città, l’Ospedale Vecchio con la visita alla Crociera Grande, al Palazzo dell’Agricoltore, edificio dal grande valore storico e architettonico nato nel 1940 con uno stile modernista, a Palazzo Tarasconi, splendido esempio d’architettura rinascimentale recentemente restaurato, all’Orto Botanico  per finire con l’Antica Farmacia di San Filippo Neri in cui sangue di drago, alambicchi e antichi volumi rievocano il passato della Congregazione di Carità.

Tra le novità di questa edizione, a fianco dei luoghi proposti dal Fai, il Comune di Parma propone altre sei aperture straordinarie tra cui spiccano la riapertura gratuita della splendida Camera di San Paolo, situata all’interno dell’ex monastero, con la sua volta ad ombrello  affrescata dal Correggio ad inizio Cinquecento con una decorazione illusionistica a tralci vegetali in cui si aprono finti ovati con putti, alla cui base si trovano lunette a monocromo con soggetti mitologici di stampo classico e la visita al Convento della Chiesa della Santissima Annunziata, gioiello del Quartiere Oltretorrente, con il suo maestoso e silenzioso chiostro dedicato a Padre Lino Maupas e la ricchissima biblioteca. 

Dopo il successo e l’apprezzamento ottenuto nelle ultime edizioni vengono riproposte anche la riapertura del Chiostro della Fontana del Complesso del San Paolo - il cui intervento di riqualificazione è stato co-finanziato dalla Regione Emilia-Romagna  - dove il pubblico potrà ammirare il ciclo delle 26 lunette tardo cinquecentesche - seicentesche del porticato per poi salire, attraverso lo scalone storico principale, al loggiato superiore e della Chiesa di San Giuseppe che si presenta oggi nell’aspetto barocco donatole dalla ricostruzione di fine Settecento su disegno di Antonio Brianti. Infine nella Chiesa di Sant’Antonio Abate, perla del barocco, progettata nel 1712 dall’architetto Ferdinando Galli Bibiena, grazie ad un video appositamente realizzato, il pubblico sarà accompagnato alla scoperta dei lavori di restauro delle volte e degli affreschi della chiesa. 

Tra le aperture di «I like Parma»   anche l’Oratorio di Sant’Ilario, situato sotto i Portici dell’Ospedale Vecchio, dove il pubblico potrà ascoltare un audio-guida che racconterà la storia edificio. 

Per partecipare prenotazione obbligatoria: ecco come fare -  Per partecipare alle iniziative è obbligatoria la prenotazione, al fine di contingentare la partecipazione nel rispetto delle norme sanitarie. Per farlo basta scaricare l'App  Parma 2020+21 (entro le ore 18 del giorno precedente alla visita).
Info generali e supporto alle prenotazioni: 0521/218297 0521/218252 (da lunedì a venerdì 10-13 e 15-18, sabato 15 maggio 10-18).
I luoghi aperti dal Comune sono tutti a ingresso gratuito. 
Per consultare il programma completo dell’iniziativa: www.parma2020.it o  www.comune.parma.it/cultura.
Per i luoghi del Fai: donazione libera con offerta minima di 3 euro previa prenotazione all'indirizzo https://faiprenotazioni.fondoambiente.it/; https://www.fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/.

E alle mostre si entra a prezzo ridotto - Per il weekend di «I like Parma», sabato e domenica la città intera si mobilita. Tante le mostre in città e in provincia aperte che accoglieranno il pubblico con un biglietto d'ingresso ridotto a prezzo speciale. Anche in questo caso la prenotazione è obbligatorio.
Tra queste: Palazzo Tarasconi, in via Farini, 37, «Ligabue & Vitaloni. Dare voce alla natura» (8 euro + 1,50 di  prevendita.  Prenotazione e prevendita: https://www.ticketone.it/city/parma-1937/mostre-e-musei-57/). Orari: 10-19,30 la cassa chiude un’ora prima.
Museo d'arte cinese ed etnografico, in viale San Martino, 8, mostre in corso visitabili con il biglietto di ingresso  (3 euro adulti, 1,50  under 18.  Prenotazione entro venerdì con l'App IOprenoto oppure ai numero 0521.257337. Orari: sabato 9-13 15-19 - domenica 11-13 15-19.
Ape Parma Museo di via v Farini, 32/a, visitabili le mostre «Attraverso le avanguardie. Giuseppe Niccoli / visione e coraggio di una Galleria», «I colori degli affetti. Ritratti familiari nelle collezioni Amedeo Bocchi e Renato Vernizzi della Fondazione Monteparma», «Parma la città del Profumo. L’evoluzione e la modernità» (ingresso speciale a 1 euro.  Prenotazione: telefonica 0521-203461 o 203413 Orari: 10-19).
Battistero e Museo Diocesano,  Piazza Duomo «Antelami a Parma. Il lavoro dell’uomo, il tempo della terra» (10 euro. Prenotazione telefonica 0521-235886 oppure via mail antelami2020@gmail.com. Orari: 10-19).
Csac, Abbazia di Valserena, strada Viazza di Paradigna «Design! Oggetti, processi, esperienze» (5 euro. Prenotazione: https://www.ciaotickets.com/location/abbazia-di-valserena-parma.  Orari: 10-19.
Museo Renato Brozzi, via Fratelli Cantini, 8, Traversetolo,  «Renato Brozzi e la scultura animalista italiana tra Otto e Novecento» (3 euro. Prenotazione: telefonica 0521-842436 oppure via mail biblioteca@comune.traversetolo.pr.it. Orari: sabato 10-12.30 15.30-18;  domenica 15.30-18).
Fondazione Magnani Rocca, via Fondazione Magnani Rocca, Mamiano di Traversetolo «Amedeo Modigliani. Opere dal Musée de Grenoble» (10 euro. Prenotazione: segreteria@magnanirocca.it.  Orari: 10-19.