Sei in Parma

CRISI COVID

Plateatici a canone zero fino a fine anno

Pubblici esercizi, una boccata d'ossigeno. Anche la Tari ridotta in  bolletta già da luglio

di Vittorio Rotolo -

18 maggio 2021, 11:58

Plateatici a canone zero   fino a fine anno

Esenzione al 100% dal pagamento del canone per l’occupazione di suolo pubblico fino alla fine del 2021 e con una platea di beneficiari ancor più estesa. Un bando per il sostegno a progetti ed iniziative di valorizzazione del piccolo commercio e artigianato. Riduzione della Tari in bolletta, per le categorie più colpite dalla pandemia. 
Per le imprese, i pubblici esercizi e le attività commerciali è una boccata di ossigeno da 3,5 milioni di euro quella che arriva da Comune di Parma, sotto forma di misure di sostegno e sviluppo. 

Plateatico
Per quanto riguarda il canone per l’occupazione del suolo pubblico per bar, ristoranti, ambulanti nei mercati, l’amministrazione comunale - come peraltro già annunciato nelle scorse settimane - ha previsto l’esenzione totale fino al prossimo 31 dicembre 2021, a prescindere dalle scelte adottate dal Governo che, almeno per il momento, ha confermato l’agevolazione solo per il primo semestre (fino al 30 giugno).
 «È una misura che abbiamo voluto estendere pure ad altre categorie, rimaste escluse dal provvedimento emanato dal Governo» spiega l’assessore comunale al Commercio, Cristiano Casa. «Mi riferisco, nello specifico, al commercio non alimentare, all’artigianato alimentare, come gelaterie e pizzerie al taglio, e non alimentare; ai chioschi presenti nei parchi ed ai mercati degli agricoltori; ai taxi, per l’occupazione degli stalli, ed alle piccole giostre. L’investimento è di 620mila euro». 

Bando per il commercio
A giugno, invece, verrà lanciato il bando di sostegno al piccolo commercio e artigianato, concepito su tre differenti ambiti: iniziative sistemiche finalizzate alla valorizzazione delle vie cittadine, insediamenti di nuove attività e riqualificazione di quelle già esistenti. 400mila euro, la somma disponibile.

Riduzione della Tari
 La parte più consistente del pacchetto, con 2,5 milioni di euro stanziati, è quella relativa alla riduzione della Tari. «che avverrà direttamente sulla bolletta nel mese di luglio» evidenzia ancora Casa, che ha voluto ringraziare l’assessore al Bilancio Marco Ferretti, la giunta e gli uffici, «che hanno lavorato alacremente alla definizione di queste misure». 


I beneficiari
«L’elenco di quanti potranno beneficiare della riduzione della Tari - ha aggiunto Casa - verrà definito nei prossimi giorni, di concerto con le associazioni di categoria». 
Soddisfatto il commento del sindaco di Parma, Federico Pizzarotti. «Abbiamo sostanzialmente formalizzato l’impegno che ci eravamo assunti, davanti alle imprese e dai commercianti» sottolinea il primo cittadino. 
«Accogliamo positivamente le misure a sostegno delle attività del commercio messe in campo dall’amministrazione comunale» fa sapere Antonio Vinci, direttore di Confesercenti, sottolineando  che «sono state recepite alcune delle nostre richieste, avanzate con forza nella manifestazione di piazza Garibaldi “Non siamo fantasmi”».