Sei in Parma

I sindaci (anche dal Parmense) protestano in piazza a Roma

07 luglio 2021, 16:35

Chiudi
PrevNext
1 di 2

Protesta dei sindaci "per ricordare che il nostro ruolo è essenziale ma che, molto spesso, ci facciamo carico di qualsiasi tipo di responsabilità". A postarlo è il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, in piazza a Roma altri due sindaci parmensi, Fiazza e Fecci (Nella foto con Gattara, Giusti, Restiani e Riccoboni). Una manifestazione sul ruolo del sindaco, sottolineata dalla trasversalità dei partiti da cui provengono i primi cittadini. 

Pizzarotti, poi scrive: "In 9 anni ho ricevuto 6 avvisi di garanzia e sono stato indagato per abuso d'ufficio, turbativa d'asta, disastro colposo, truffa ai danni dello Stato e alcuni altri reati. Mai una volta sono andato a giudizio, a dimostrazione della sempre piena correttezza del mio operato. Ma così è davvero difficile andare avanti: oggi per fare il sindaco ci vuole molto coraggio. Faccio mie le parole del collega e amico sindaco Antonio Decaro, oggi anche lui in piazza: "Ho portato l’arma delitto, è una penna che ho conservato, come accade per i reperti. Con questa ogni giorno firmiamo decine di atti e corriamo dei rischi. La vorremmo consegnare simbolicamente a tutti i rappresentanti del Governo e del Parlamento perché capiscano che in quei secondi che precedono la firma di ogni atto, noi sindaci siamo divorati da un dubbio amletico: firmare o non firmare. Perché se firmi rischi di essere indagato per abuso d’ufficio. E se non firmi per omissione di atti d’ufficio”. Difendiamo il nostro lavoro per difendere impegno e passione che mettiamo al servizio delle nostre città".