Sei in Parma

Infrastrutture

Raddoppio della Pontremolese: via libera ai fondi per il progetto

28 luglio 2021, 09:38

Raddoppio della Pontremolese: via libera ai fondi per il progetto

Un altro passo avanti verso il raddoppio della Pontremolese, un intervento atteso da decenni. Il Cipess (Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile, ndr) «ha approvato il finanziamento del progetto della ferrovia Pontremolese», annuncia Raffaella Paita, deputata di Italia Viva. «Si tratta di una notizia straordinaria perché anticipa addirittura al 2021 la previsione di finanziamento rendendo possibile l’avvio del finanziamento della galleria di valico nel contratto di programma delle ferrovie 22/26», specifica la parlamentare di La Spezia. Così come è spezzino il ministro del Lavoro Andrea Orlando (deputato eletto nel collegio di Parma alle ultime elezioni) che nei mesi scorsi è riuscito ad incrementare i finanziamenti a favore dell'opera.

Il raddoppio della tratta ferroviaria tra Parma e La Spezia ha un costo che si aggira attorno ai 2,3 miliardi di euro. Al momento sono stati stanziati i 266 milioni di euro necessari per il raddoppio nel tratto tra Vicofertile e Parma, nell’ambito del Contratto di programma tra Rfi e il ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità sostenibili. Il tratto cittadino della Pontremolese prevede la realizzazione di un tunnel ferroviario tra via Volturno e strada dei Mercati.

Il resto del finanziamento servirà a stendere nuovi binari di fianco a quelli della linea storica, escluso il tratto Solignano-Osteriazza dove la linea è già stata raddoppiata. In particolare, i fondi serviranno a capire come risolvere il nodo di Fornovo e della galleria di valico, la galleria del Borgallo, la cui pendenza richiederebbe il doppio locomotore per i treni merci, rendendo quindi la tratta antieconomica. Servirà quindi una nuova galleria? Basterà modificare il traforo esistente? 
Nonostante le criticità ancora da risolvere c'è chi si dimostra positivo. «Finalmente si parla di elementi concreti», esordisce Giampaolo Serpagli in qualità di presidente del Cepim. 
«La nomina del commissario Mariano Cocchetti per la realizzazione dell'opera, e il suo inserimento fra le 57 opere considerate strategiche dal Governo per lo sviluppo del Paese sono un buon punto di partenza - aggiunge -. La Pontremolese è un'infrastruttura fondamentale per riuscire a collegare l'interporto di Fontevivo con il porto di La Spezia». 

Anche la deputata di Italia viva considera il finanziamento un passo decisivo a favore della Pontremolese. «Si tratta - continua - di un’opera chiave, in particolare nel tratto comprendente la galleria di valico dal momento che ha un’importanza decisiva sia per il porto di Spezia che dell’economia dell’alto Tirreno». «Aver anticipato il finanziamento al 2021 - conclude - diventa decisivo per correre verso l’obiettivo della realizzazione. Il Governo Draghi sta sbloccando il Paese». 
P.Dall.