×
×
☰ MENU

gusto

W gli anolini. E "Gustincanto" si aggiudica la gara della Bassa: scopri la classifica

W gli anolini

di Sandro Piovani

09 Dicembre 2021,18:29

Quando la semplicità è il vero segreto e la carta vincente: la scelta del Parmigiano, il pane grattugiato deve essere quello giusto, poi le uova e la noce moscata, il tutto avvolto in quella mezza luna di sfoglia. Questi sono (semplicemente appunto) gli anolini della Bassa, quegli anolini che si mangiano sotto la via Emilia, là dove tutto (o quasi) ha il gusto della fatica e dell'impegno dell'uomo o, come cantano i Me Pek e Barba, la terra è piatta ma la gente no. Ed è gente carica di idee e di gusto, di semplicità e di impegno: ecco perché gli «anolini di Natale» sono il momento più importante per tutti. Non solo nella Bassa ma anche in città. Intorno alle tavole si raccontano le storie (meglio sarebbe scrivere «la storia») di anni passati, di feste trascorse in famiglia. Insomma, piccoli capitoli di un libro che narra le vicende di un territorio.


Ed ecco perché, come ormai è tradizione, a dicembre la Gazzetta di Parma seleziona le migliori gastronomie del territorio (della Bassa), va a comprare in modo anonimo gli anolini e poi li fa giudicare ad una giuria selezionata, questa volta produttori di salumi, gente che la Bassa la vive ogni giorno, ogni giorno tribola per continuare in altre importanti tradizioni, sempre legate al gusto, ai sapori. Gente che gli anolini ha iniziato a mangiarli dal seggiolone, fatti dalla nonna o dalla mamma. Gente anche severa nel giudizio, perché con gli anolini non si scherza. Gente che conosce bene il Parmigiano Reggiano, vero protagonista di questa ricetta. Insomma gara dura, seria e professionale con il notaio dottor Paolo Micheli prima a rendere anonimi gli anolini in gara, a numerarli e poi a far di conto sulle votazioni. Attento e preciso come sempre.
Ma la competizione non è la cosa più importante, il vero obbiettivo è quello di tenere viva una tradizione ormai secolare, di continuare a produrre anolini, in casa o nelle gastronomie, nei circoli o nei ristoranti, comunque rigorosamente come si faceva una volta. Anche se, pure questo va sottolineato, praticamente ogni famiglia ha la sua ricetta, che può sembrare uguale per tutti ma che cambia in piccoli dettagli. Quei dettagli che poi, nel piatto fanno la differenza.


Il nostro gioco è iniziato dunque, ci ha ospitato nel cuore della Bassa, Silvano Romani nel suo covo della parmigianità che è Km90: lì abbiamo «rinchiuso» la giuria, al lavoro per un paio d'ore, ad assaggiare e giudicare. Ripensando agli anolini di casa, inseguendo con la memoria un paragone spesso impari (si sa che gli anolini della mamma sono sempre i migliori). Qui di fianco il risultato, ha vinto Gustincanto di Fidenza in una gara d'alto livello. Esercizi di memoria, esercizi di storia. Come storia è l'anolino, della Bassa o di Parma che sia.

Classifica anolini

1. GUSTINCANTO, VIA LA BIONDA 10, FIDENZA 28 AL KG

2. GASTRONOMIA PEPE ROSA, VIA DONIZZETTI 45, BUSSETO 29 AL KG

3. IO PARMIGIANINO, VIA MARCONI 19, FONTANELLATO 34 AL KG

4. SALUMERIA PIAZZA SANTUARIO, FONTANELLATO 33,80 AL KG.

E, in ordine alfabetico, erano stati selezionati anche:

  • GASTRONOMIA A TAVOLA via Brambilla 8, Fontanellato 32 al kg
  • GASTRONOMIA LE TRADIZIONI piazza Matteotti 17, Fidenza 32,90 al kg
  • PANIFICIO MAGNANI via Indipendenza 4, San Secondo 32 al kg
  • PANIFICIO SACCANI via 7 fratelli Cervi 31, Fontevivo 34 al kg
  • PARMA MENU via Montalcini, Fidenza 30,50 al kg

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI