×
×
☰ MENU

Alimentare

A Parmalat 9,7 milioni dal ministero per investimenti a Collecchio e Verona

Dal ministro Giorgetti (Sviluppo economico) via libera all'Accordo di sviluppo

A Parmalat 9,7 milioni dal ministero per investimenti a Collecchio e Verona

17 Dicembre 2021,10:36

Importante operazione per il gruppo Parmalat. Il ministero dello Sviluppo economico sosterrà con oltre 9 milioni e mezzo di euro un corposo investimento della Parmalat a Collecchio e in provincia di Verona. Sno previsti investimenti nel campo del latte Uht. Il costo totale del programma supera i 24 milioni di euro.
Secondo indiscrezioni, si tratta di un Accordo di sviluppo tra Mise, Invitalia, Parmalat Spa. L'iter che ha portato all'Accordo ora autorizzato dal ministero è iniziato l'anno scorso. La Parmalat - che usa il 73% circa di latte italiano ed è prima fra gli acquirenti di latte nazionale - ha presentato una proposta di contratto di sviluppo che riguarda la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli a Collecchio e Zevio (Verona).

Mercato e normative
L'obiettivo degli investimenti sarebbe quindi quello di consolidare le quote di mercato, in particolare per il latte Uht. E rispondere alle richieste del mercato, oltre ai nuovi obblighi normativi sull'utilizzo della plastica. Con questo Accordo di sviluppo, il gruppo Parmalat potrà così investire in impianti e macchinari di ultima generazione, altamente performanti ed efficienti, incrementando la produzione, in particolare del latte Uht, anche con l’utilizzo di imballi innovativi e riciclabili per i suoi prodotti.
Il gruppo d'altronde ha diversi marchi, fra cui Parmalat, Zymil, Santal, Chef e Puro Blu.
Il costo totale del programma del gruppo alimentare controllato dalla holding Bsa della famiglia Besnier sarà di 24,28 milioni di euro; i contributi a fondo perduto del ministero dello Sviluppo economico ammontano a circa 9,56 milioni. Considerando altri 195mila euro per costi di gestione, la copertura ministeriale arriva a 9,75 milioni di euro. Non ci sono invece finanziamenti delle due Regioni coinvolte.

Investimenti a Collecchio
In particolare Parmalat investirà a Collecchio 14,59 milioni di euro, «coperti» dalle agevolazioni pubbliche per 5,75 milioni; a Zevio saranno investiti altri 9,68 milioni, di cui 3,8 mln di contributi. Stabili le prospettive sull'occupazione.
Secondo il ministero dello Sviluppo economico, la proposta di contratto di sviluppo presentata da Parmalat Spa è stata valutata in modo positivo, «apparendo coerente e strutturata nonché fattibile ed idonea a generare un impatto nel settore di riferimento in termini di consolidamento della posizione nel mercato e di efficienza della produzione».
L'accordo con Mise e Invitalia arriva in un momento in cui anche il settore lattiero-caseario affronta le difficoltà legate agli aumenti dei prezzi delle materie prime. L'export è cresciuto quasi ai livelli pre-Covid e la domanda di latte Uht, con la pandemia, segna una crescita a due cifre, ma in una fase come questa non mancano le incertezze sul futuro.
Il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ha quindi autorizzato l'Accordo di sviluppo industriale con la Parmalat. Per la produzione negli stabilimenti di Collecchio e Zevio
«La chiave del rilancio di Parmalat è nella credibilità di un marchio conosciuto in tutto il mondo, che punta per le sue produzioni sulla qualità della materia prima italiana fornita dalle numerose piccole aziende che fanno parte della nostra filiera lattiero casearia», spiega Giorgetti. 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI