×
×
☰ MENU

LUTTO

Addio ad Alberto Michelotti, il super arbitro con il "cartellino" della parmigianità - Ricordi in foto

18 Gennaio 2022,09:14

Parma si sveglia oggi con la triste notizia della morte di uno dei suoi personaggi più amati. Questa mattina, dopo alcuni giorni di ricovero al Maggiore, se n'è andato Alberto Michelotti, il super arbitro che portò la parmigianità in serie A, unendo grandissima professionalità a una simpatia travolgente. Aveva 91 anni.

La storia di  Miclòt è una bella favola a lieto fine, come scriveva il direttore della Gazzetta di Parma Claudio Rinaldi in occasione del suo 90esimo compleanno. E' la storia "di uno passato attraverso la guerra, i bombardamenti, il sogno di diventare un concertista interrotto da un professore che gli dà del bastardo di fronte a tutti i compagni, il ritrovarsi capofamiglia a tredici anni, con tre fratellini da accudire mentre la madre e la nonna girano il centro con un carretto per vendere frutta e verdura, e sempre a tredici anni finire in officina. Arriva all’arbitraggio molto tardi (quasi a 29 anni) e dimostra in fretta di saperci fare, bruciando poi le tappe e diventando uno dei migliori arbitri del mondo. I successi nel calcio sono stati anche un riscatto sociale.

Il 14 aprile del 1968 il debutto in Napoli-Varese sul campo di Fuorigrotta, l’ultimo atto della carriera in massima serie a ben 51 il 17 maggio del 1981 con un Napoli-Juventus segnato dal tributo dei tifosi del San Paolo che, all’ingresso in campo, srotolarono lo striscione «Alberto, tu si 'na cosa grande». In tutto Michelotti ha diretto 145 partite di serie A, 115 di B e 86 incontri internazionali. Ma Michelotti è rimasto sempre sé stesso, schiena dritta e pane al pane e vino al vino. Rispettando sempre gli insegnamenti di sua mamma Elsa, che gli ha fatto da madre e da padre. E tenendo sempre l’Oltretorrente nel cuore". 

L'anno scorso il grande dolore per la perdita della sua "metà" Laura, compagni di una vita, da cui aveva avuto le adorate figlie Sonia e Vania.

La Gazzetta di Parma abbraccia la famiglia Michelotti in questo momento di dolore.

 «L'Associazione Italiana Arbitri piange Alberto Michelotti, 91 anni, figura storica del movimento arbitrale, entrato anche a far parte nel 2020 nella 'Hall of famè del calcio italiano. Nel luglio dello scorso anno l’Aia lo aveva nominato dirigente benemerito. Il presidente dell’Aia, Alfredo Trentalange, e il vice Duccio Baglioni, insieme ai componenti del Comitato nazionale, esprimono alla famiglia di Alberto Michelotti e ai colleghi della Sezione di Parma profondo cordoglio a nome di tutti gli arbitri italiani». E’ il messaggio che si legge sul sito dell’Associazione Italiana Arbitri, dove viene ricordata la figura del 'fischiettò parmense. 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI