×
×
☰ MENU

Verso le politiche

Camera, per il collegio parmigiano ballottaggio tra Cavandoli e Fiazza

Per il centrosinistra un posto “locale” nel proporzionale

Camera, per il collegio parmigiano ballottaggio tra Cavandoli e Fiazza

12 Agosto 2022,10:48

L'orologio corre implacabile verso la scadenza del 21 agosto, data entro la quale tutte le liste e le relative candidature alle prossime elezioni politiche del 25 settembre dovranno ufficialmente essere depositate nelle Corti d'Appello.

Centrodestra

Nel centrodestra la scelta più importante riguarda il collegio della Camera che comprende tutta la provincia a parte Bassa Ovest, Fidenza e Salsomaggiore, inseriti nel collegio a «trazione» piacentina. Mentre in quest'ultimo la candidatura dovrebbe essere espressa da Fratelli d'Italia con un nome piacentino, che potrebbe essere quello dell'ex sindaco Patrizia Barbieri, sconfitta alle recenti comunali per Parma (collegio diventato quasi «sicuro» con la discesa in lizza del “Terzo polo”), invece, la scelta andrà a un esponente della Lega: il ballottaggio, a quanto si sa, sarebbe tra la deputata uscente Laura Cavandoli e il sindaco di Fontevivo Tommaso Fiazza. Per il senatore uscente Maurizio Campari si profila invece, come già nel 2018, una posizione «eleggibile» nella lista proporzionale del Senato. Per il collegio uninominale «monstre» di Palazzo Madama (che va da Piacenza fino a Modena e comprende anche 2 comuni del Bolognese), dove è superfavorito il centrodestra, si profila il «meloniano» piacentino Tommaso Foti. Non dovrebbero invece essere ricandidati, a meno di sorprese dell'ultima ora, i parlamentari uscenti Giambattista Tombolato e Maria Gabriella Saponara.

Centrosinistra

Nel centrosinistra, i collegi uninominali dovrebbero vedere la presenza di nomi «nazionali»: in particolare l'ex ministro piacentino Paola De Micheli dovrebbe correre per la Camera e si parla di Andrea Orlando per il collegio «parmigiano» della Camera. Se per i collegi uninominali ci sono poche possibilità, candidato parmigiano potrebbe forse entrare in buona posizione, come richiesto dal Pd parmense e anche dal sindaco Guerra, al proporzionale: i nomi sul tavolo sono quelli di Filippo Fritelli, Beppe Negri e Michele Vanolli.

Altri nomi in corsa

L'ex sindaco Federico Pizzarotti dovrebbe correre a questo punto lontano da Parma, per evitare “scontri” col centrosinistra. Per lui si profila un posto «abbordabile» nel proporzionale. Altri possibili candidati, oltre ai già ufficializzati Andrea Bui e Paola Varesi per Unione popolare, sono Nicola Dall'Olio per i Verdi nel proporzionale e Serena Brandini e Massimo Pinardi per Azione. Saranno i tavoli romani però a decidere tutto.

g.l.z.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI