Sei in Cronaca nera

Spacciava in Oltretorrente e sul Lungoparma: arrestato 28enne, sequestrati 7 etti di hashish

Il tunisino era già stato arrestato nel 2013 . L'assessore Casa ringrazia la polizia

04 agosto 2018, 13:59

Chiudi
PrevNext
1 di 2

Era ritornato “al lavoro” ma Fourat Beldi, spacciatore tunisino di 28 anni attivo nelle zone dell’Oltretorrente, di via D’Azeglio e del Lungoparma, è stato arrestato dai poliziotti dell’antidroga. I poliziotti lo hanno fermato in sella alla sua bici in via D’Azeglio e in seguito hanno perquisito l’appartamento in cui viveva, in viale Piave. Un indirizzo che il tunisino ha cercato di nascondere fino all’ultimo. In casa sua, infatti, gli agenti dell’antidroga hanno trovato 730 grammi di hashish, suddivisi in 69 ovuli,  e 2.800 euro in contanti. L’uomo, che ha numerosi precedenti, era già stato arrestato nell’ottobre del 2013. 


L'ASSESSORE CASA RINGRAZIA LA POLIZIA  E DA' UNA STOCCATA A SALVINI. “Grazie alla Polizia di Stato, e assieme a lei i Carabinieri e la Guardia di Finanza, per l’importante lavoro contro lo spaccio in alcune vie delle nostre città - dice l'assessore alla Sicurezza Cristiano Casa, in una nota del Comune -. Dico una cosa in più: se anziché due pattuglie a Parma ce ne fossero almeno quattro, e se chi spaccia morte andasse in galera e ci restasse, sicuramente nelle nostre strade vedremmo meno spacciatori e più parmigiani. Abbiamo chiesto rinforzi a tutti i ministri dell’Interno dal 2012 a oggi, aspettiamo ancora una risposta dal ministro Salvini. Ma siamo pazienti, intanto facciamo il nostro e, di fatto, in alcuni casi sostituendoci allo Stato”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA