Tavernetta del Lupo

02 settembre 2014, 20:15

  • Tipologia/ Food
    Trattoria
  • Indirizzo/ Address
    Piazza Pallini 1, Sorbolo Levante
  • Località/ Where
  • Telefono/ Telephone
  • Chiusura/ Closed
    Mercoledì/Wednesday
  • Trattoria
  • Piazza Pallini 1, Sorbolo Levante
  • Mercoledì/Wednesday
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

Si conferma indirizzo sicuro, con un’offerta ricca di piatti improntati a stile di cucina moderno, questo ristorante-locanda di Sorbolo levante, per pochi metri in terra reggiana. Gestori appassionati, vini di qualità a prezzi adeguati e una carta con molte notizie e spiegazioni sui territori, i vitigni, i metodi di produzione e affinamento delle bottiglie che, in modo esauriente, coprono il panorama enologico. Molti piatti in lista, un paio di proposte ittiche per sezione, l’assunzione di responsabilità per il servizio che sarà “probabilmente lento, naturalmente cordiale e sicuramente gratuito” (compensato dal coperto a 3 euro): va bene mettere le mani avanti (nel nostro caso il servizio avrà tempi accettabili), tuttavia è bene ricordare che dal primo boccone il nostro corpo inizia la digestione ed è regola inderogabile che tra un piatto e l’altro non passi troppo tempo altrimenti, nonostante la cordialità di chi serve, si compromette il piacere del cibo. Una grande sala, la veranda intorno, tavoli ben preparati.

La cucina, i piatti
Cucina moderna, di sapori intensi, molte ingredienti nel piatto, qualche squilibrio, preparazioni sempre generose. Troppe cose, ad esempio, nelle seppie (tenere) su passata di ceci, ceci, peperoni e bacon; meglio la semplice pulizia e la cremosa, dolce consistenza del flan di pecorino su fonduta di formaggi. Sempre tra gli antipasti (10-12 euro), una selezione di salumi di piccoli produttori, la ormai immancabile battuta di carne del macellaio Cazzamali, un bloc di foie gras, branzino marinato, guancia di maiale confit. Una serie di ravioli variamente farciti (con agnello; salamella; zucchine, Emmenthal, prosciutto cotto; spalla cotta su zabaione di Parmigiano) introduce ai primi piatti (10-12 euro); quindi maltagliati al prosciutto; taglierini con pesce e zafferano; spaghetti di precisa cottura al dente con saporosa bottarga di tonno, pomodori secchi, tocchetti di pane toscano e troppo olio che resta nel fondo del piatto; pappardelle con ragù di lumache appena piccante e molto gradevole.
La moussaka è un ricco piatto greco a base di carne d’agnello tritata e melanzane a strati: qui lo preparano, con discreta riuscita, in un leggero timballo accompagnato da braciole d’agnello alla griglia, pomodorini e menta. Ricco di sapori e gusto anche il filetto di manzo, puntualmente al sangue, con funghi spugnole e prugnoli.
Altri secondi (12-16 euro): la coscia d’anatra confit, la quaglia al bacon con scaloppa di foie gras, il puledro con speck, il branzino al forno, la grigliata con carne scozzese, piemontese, Angus irlandese (60 euro per due persone).

Per finire
Si chiude in dolcezza (4-6 euro) con sorbetti consistenti, gelato alla crema o al fiordilatte, tortino caldo al cioccolato, pera caramellata e fiordilatte, tiramisù, mousse ai due cioccolati. Ottima scelta di distillati, servizio professionale e il conto di circa 45 euro (bevande escluse) per quattro portate.
Menu esposto, coperto 3 euro, ingresso con scalini, bagni e parcheggio comodi.

Non mancate
Moussaka

English version below

A safe bet, with a rich range of dishes characterised by a modern style of cooking, this restaurant-inn in eastern Sorbolo, just a stone's throw from being in the Reggio Emilia region. Enthusiastic owners, quality wines at appropriate prices, and a wine list replete with information and explanations on the territories, the vines, the methods of production and refinement of the bottles, which cover the oenological panorama in an exhaustive way. Many dishes on the menu, a couple of fish choices per section, assumption of responsibility for the service, which will “probably be slow, unaffectedly cordial, and definitely free” (compensated for by a cover charge of €3). It's okay to be up front (in our case the service times were acceptable), however, it is well to remember that our body begins its digestion from the first mouthful, and it is a cast-iron rule that between one dish and the next not too much time should pass, otherwise, the cordiality of those serving notwithstanding, the enjoyment of the food will be compromised. A large room, a veranda around it, beautifully laid tables.

The cuisine, the dishes
Modern cuisine, with intense flavours, many ingredients on the plate, a few imbalances, the preparations ever generous. Too many things, for example, in the (tender) cuttlefish on a bed of chickpea purée, with whole chickpeas, sweet peppers and bacon; better the simple cleanliness and creamy, sweet texture of the Pecorino flan on a mixed cheese fondue. Again among the starters (€10-12), a selection of cold meats from small-scale producers, the by-now essential steak tartar from the Cazzamali butcher's, a slab of foie gras, marinated sea bass, and pork cheek confit. A series of ravioli with various fillings (lamb; salami; courgettes, Emmenthal, cooked ham; or cooked shoulder of pork on a Parmesan zabaglione) introduce the first courses (€10-12). Then more pasta with Maltagliati al Prosciutto; taglierini with fish and saffron; spaghetti perfectly cooked al dente with mouthwatering tuna bottarga, dried tomatoes, Tuscan bread croutons and too much oil that remains in the bottom of the plate; pappardelle with a lightly spicy, very pleasurable snail sauce. Moussaka is a rich Greek dish based on minced lamb and aubergines in layers: here it is prepared, reasonably successfully, as a light timbale accompanied by grilled lamb chops, cherry tomatoes and mint. Equally rich in flavour and taste is the fillet of beef, nicely rare, with spugnole and prugnoli mushrooms. Other seconds (€12-16) include duck thigh confit, quail (quaglia) with bacon and foie gras escalope, foal (puledro) with Speck, baked sea bass, a mixed grill of Scotch, Piedmontese, and Irish beef (€60 for two persons).

To finish off
To close sweetly (€4-6), some firm sorbets, milk cream or fiordilatte ice cream, a hot chocolate tart, caramelised pear with fiordilatte, Tiramisù, or a two chocolate mousse. A superlative choice of spirits, professional service, and a bill of around 45 Euro (drinks excluded) for four courses. Menu on display, cover charge €3, entrance with steps, easy-access toilets and convenient parking.

Not to be missed
Moussaka.