Arte e Gusto

29 settembre 2014, 18:14

  • Tipologia/ Food
    Ristorante
  • Indirizzo/ Address
    via emilia est, 86, Parma
  • Località/ Where
    Parma
  • Telefono/ Telephone
  • Chiusura/ Closed
    mai / never
  • Ristorante
  • via emilia est, 86, Parma
  • Parma
  • mai / never
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

Hanno cambiato indirizzo spostandosi un po' dopo il portone di San Lazzaro, hanno pure cambiato nome, ma non la sorridente, ospitale disponibilità, e qualche dimenticanza e un pò di confusione nel servizio, di quando si chiamavano “le Coccole”. Ora sono “Arte e gusto, mercato e ristoro dei sapori” e stanno in una palazzina moderna insieme a un grande negozio di prodotti alimentari, vini, salumeria, gastronomia, bar, ristorante e pizzeria. Aperto tutto il giorno e ogni giorno della settimana, piatti da asporto e sempre qualcosa da mangiare anche fuori orario, per una merenda, uno spuntino, un aperitivo di sostanza. Sala moderna che si illumina con le grandi vetrate sulla strada, tavoli e sedie comode, ambiente rumoroso (gli architetti pensano poco all’insonorizzazione) e sempre frequentato da numerosi clienti che tornano fedeli.

La cucina, i piatti
Cucina di pesce di mare, seguendo le radici amalfitane della famiglia che gestisce il tutto e che da molti anni è a Parma e dunque sa che, per gli irriducibili, bisogna avere in menu anche tortelli, anolini e torta fritta. Poi pizze e croccanti focaccine (le chiamano piadine) da sgranocchiare in attesa dei piatti -che arrivano un pò per conto loro, sempre con un sorriso, scusandosi per il ritardo e aggiungendo un’attenzione, una gentilezza per farsi perdonare. Intanto ecco il vino scelto da un’ottima carta che propone una selezione oculata per qualità e prezzo dalle regioni italiane e dall’estero, con attenzioni a zone a volte dimenticate e a piccoli produttori di pregio. Molti antipasti caldi e freddi, il piatto di crudo, le vongole e le cozze in sauté: è discreto il tortino di acciughe, scamorza e pistacchi tritati; l’insalata di mare ha il condimento dolce e irresistibile (attenti a far troppe scarpette) di olio e limone della Costiera amalfitana. Ai primi, è festa della pasta: linguine, spaghetti, paccheri con sughi di pesce, di scampi e pesto, di vongole. Le linguine Vesuvio sono riccamente condite coi frutti di mare e escono da una copertura di pasta da pizza con tutto il loro profumo, fumando come un vulcano; gli scialatielli con vongole e friarielli napoletani abbinano il sapore deciso di verdura e vongole con la pasta; gli spaghettoni con colatura di acciughe di Cetara sono all’uso parmigiano, dunque addolcito, un pò spenti, senza il sapore salmastro e affumicato che li caratterizza. Inevitabile il discreto fritto di paranza, felice l’abbinamento di pesce sanpietro con patate e porcini freschi. E, ancora: catalana di crostacei, pescato del giorno in vari modi, branzino con patate, filetto d’orata in crosta di pistacchi, grigliata mista, filetti di manzo in diverse preparazioni.

Per finire
Qualche formaggio e profiterol, torta caprese, delizia al limone, sorbetti, una fetta di babà al rhum con crema di limone, la finanziera di mandorle, pistacchi, arancia, crema al limone, i tanti assaggi delle Coccole. Pagherete per quattro piatti, bevande escluse, circa 45 euro. Menu non esposto, coperto 2,50 euro, ingresso e bagni comodi, parcheggio interno e nei dintorni. Non mancate Sanpietro con porcini e patate.

 

English version below

They've moved along the road a bit, just after the San Lazzaro arch, they've even changed the name, but not their smiling, hospitable welcome, the occasional absentmindedness and slightly muddled way of serving, ever since it was known as “Le Coccole”. Now they're “Arte e gusto, mercato e ristoro dei sapori” and they're in a modern building together with a large shop of foodstuffs, wines, cold meats and gastronomy, with a bar, restaurant and pizzeria. Open all day every day of the week, takeaway service and always something to eat even out of hours, for a morning or afternoon snack, or a substantial aperitif. A modern dining room lit by large windows looking onto the street, well-arranged tables and chairs, noisy inside (architects think little about sound-proofing) and always frequented by numerous customers who soon become loyal.

The cuisine, the dishes
Sea fish cuisine, following the Amalfi roots of the family who run everything, and who have been in Parma for many years, and therefore known that, for the unbending, you also need tortelli, anolini and torta fritta on your menu. Then there are pizzas and crisp focaccine (here they call them piadine) to munch on while waiting for your dishes – which arrive a little when they like, always accompanied by a smile, apologies for the delay and the addition of a little more attention, some favour or other, in order to be forgiven. Meanwhile, the wine arrives, chosen from a first-class list that features a shrewd selection in terms of quality and price from the Italian regions and abroad, with attention to sometimes forgotten areas and small producers of merit. An abundance of hot and cold starters, a plate of Parma ham, sautéed clams and mussels: a so-so tart with anchovies, Scamorza cheese and chopped pistachios. The seafood salad (Insalata di Mare) has a sweet and irresistible sauce (go easy on the dunking) of oil and lemons from the Amalfi Coast. For the first courses, it's a feast of pasta: linguine, spaghetti, paccheri with sauces of fish, scampi and pesto, or clams (vongole). The Linguine Vesuvio are richly smothered in seafood and emerge redolent from a pizza dough, smoking like a volcano. The scialatielli with clams and Neapolitan friarielli (turnip tops) add a decisive flavour of vegetables and clam to the pasta; the spaghettoni with a trickle of Cetara anchovies are Parma-style, i.e. sweetened, a touch insipid, without that salty, smoky taste that normally characterises them. An inevitable mixed fry, a happy marriage of John Dory (Sanpietro) with potatoes and fresh Porcini mushrooms. Then there are Catalan-style crustaceans, the catch of the day in various styles, sea bass (branzino) with potatoes, fillet of gilt-head (orata) in a pistachio crust, a mixed grill of meats (grigliata mista), or fillet of beef prepared in various ways.

To finish off
Some cheeses, or profiteroles, torta caprese, delizia al limone, sorbets, a slice of Rum Baba with lemon cream, a Finanziera of almonds, pistachios, orange, and lemon cream, Coccole's many nibbles. Four courses will set you back around 45 Euros (drinks excluded). Menu not on display, cover charge €2.50, easy-access entrance and toilets, parking on the premises and nearby.

Not to be missed
Sanpietro con Porcini e Patate