Locanda della Moiana

02 ottobre 2014, 22:49

  • Tipologia/ Food
    Trattoria
  • Indirizzo/ Address
    Felino
  • Località/ Where
    Felino
  • Telefono/ Telephone
  • Chiusura/ Closed
    Lunedì/Monday
  • Trattoria
  • Felino
  • Felino
  • Lunedì/Monday
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img

Cerca il rilancio nel segno della qualità la «Locanda della Moiana» (dal nome della campana forgiata nel 1652 in onore del duca di Parma e Piacenza Ranuccio II Farnese) all’interno del Castello di Felino dove la campana è ancora conservata.

Il locale
Restaurato e conservato con molta attenzione, tra pini e castagni secolari, il Castello si offre con sale e saloni, portico e cortile come luogo ideale per banchetti, spettacoli, cerimonie e ora con un ristorante dal menu soprattutto di pesce di mare centrato su materie prime di qualità e elaborazione attenta. Belle e luminose sale dagli alti soffitti o il portico all’aperto affacciato sul cortile e vicino all’ingresso del Museo del salame: tavoli comodi, belle tovaglie e servizio attento e professionale.

L'accoglienza
Subito il cestino coi vari pani caldi preparati dalla cucina e una buona carta dei vini giocata tra bottiglie italiane e francesi, molti champagne e spumanti.

La cucina, i piatti
Prevalenti proposte di mare (la lista di terra ha salumi, due primi, tre secondi) con pesce dal litorale di Terracina selezionato, come informa il cameriere, dal cuoco stesso. Stile di cucina con cotture rapide di tranci e filetti, accompagnati nel piatto da verdure, salse leggere, sale dolce, olive, fior di cappero: piatti ben presentati, sempre leggeri, lineari, a volte sul confine tra finezza e evanescenza per cui si vorrebbe un pò di grinta, sapori magari più accentuati, pur nel rispetto della materia prima e dell’armonia tra le componenti. Una lamella di bottarga d’orata su insalatina e riduzione di balsamico come etrée e poi gli antipasti (euro 18; 35 il crudo): lieve tramezzino con filetti di fragolino (il pagello), friggitelli, patate filangé fritte; insalata calda con filetto di mormora, discreti gamberi bianchi e rossi e verdure, il piatto di crudo ben presentato e ricco di alcune tartare, scampo freschissimo, gamberi bianchi, rossi, striati e con accompagnamento di frutta, salumi di pesce (tonno e spada) a concludere la degustazione. Ai primi (20 euro), ha cottura precisa il risotto alle seppie ingentilito da un profumato pesto di basilico; sono ben al dente i garganelli con lieve ragù di tracina e fiori di zucca; sono spenti i gamberi che condiscono gli gnocchi di patate con melanzane in bianco. Buono il sanpietro in salsa mediterranea (cucunci, olive, pomodoro); lieve ed elegante il rombo chiodato con salsa allo zafferano e fiori di zucca. Altri secondi (22-28 euro): scampi al vapore o alla griglia (15 euro l’etto), merluzzo in salsa di latte; gallinella in salsa al vino spumante.

Per finire
Qualche dolce (12 euro): il tortino di cioccolato con cuore fondente, un semifreddo al caffè, una sbrisolona stantia. Un pranzo con quattro piatti di pesce circa 75 euro, di carne circa 65 euro (bevande escluse). Menu non esposto, coperto abolito, ingresso e bagni comodi, parcheggio nei dintorni.
Non mancate Risotto alle seppie

Dimenticate
Sbrisolona

 

English version below

A quality relaunch of the "Locanda della Moiana" (from the name of the bell forged in 1652 in honour of the Duke of Parma and Piacenza, Ranuccio II Farnese) inside the Castle of Felino where the bell is still kept.

The restaurant
Exactingly restored and conserved, nestling among secular pines and chestnut trees, the Castle, with its small and large rooms, a portico and a courtyard as an ideal place for banquets, spectacles, ceremonies and now a restaurant with a menu chiefly of sea fish focussing on top quality raw materials painstakingly prepared. Beautiful, bright rooms with high ceilings or the outdoor portico facing onto the courtyard close to the entrance to the Salami Museum: nicely set tables, attractive tablecloths and attentive, professional service.

The welcome
Right away a basket of bread with various kinds hot from the kitchen and an impressive wine list featuring Italian and French labels, plus many champagnes and spumanti.

The cuisine, the dishes
Prevalently sea dishes (the "land" list has cold meats, two first courses, three seconds) with fish from the Terracina coastline, selected, as the waiter informs us, by the chef himself. A style of cuisine with rapid cooking of slices and fillets, accompanied on the plate by vegetables, light sauces, sweet salt, olives, caper flower. Dishes that are well presented, always light, linear, at times on the border between finesse and evanescence so that a bit of guts seems called for, perhaps with more accentuated flavours, albeit respecting the raw material and the harmony between the components. A sliver of salted gilt-head roe on a bed of salad with a reduction of balsamic vinegar as an entrée and then on to the starters (€18; €35 raw). A light tramezzino sandwich with red bream fillets, friggitelli peppers, fried julienne-cut potatoes; a hot salad with sea bream (mormora) fillets, so-so white and red prawns with vegetables. The plate of raw seafood beautifully presented and abounding in tartar, the freshest scampi, white and red prawns, striated and accompanied by fruit, and fish carpaccio (tuna and swordfish) to round off the selection. On to the first courses (€20); a perfectly cooked cuttlefish risotto (alle seppie) ennobled by an aromatic basil pesto; beautifully "al dente" garganelli with a light sauce of weever fish (tracina) and pumpkin flowers; some rather insipid prawns dressing the potato gnocchi with aubergine (melanzane). A delicious John Dory (Sanpietro) in a Mediterranean sauce (capers, olives, tomatoes); a light and elegant turbot (rombo) perfected by a saffron and pumpkin flower sauce. Other second courses (€22-28) include steamed or grilled scampi (€15 Euro/hectogram), cod (merluzzo) in a milk sauce; gurnard (gallinella) in a spumante wine sauce.

To finish off
A handful of desserts (€12): a chocolate tart (tortino di cioccolato) with plain chocolate filling, a coffee semifreddo (soft ice cream), a stale almond Sbrisolona. A meal of four fish dishes around 75 Euro, of meat around 65 Euro (drinks excluded). Menu not on display, no cover charge, easy-access entrance and toilets, parking nearby.

Not to be missed
Risotto alle Seppie

Best forgotten
Sbrisolona