Podere San Faustino

di Chichibio

24 luglio 2016, 13:15

  • Tipologia/ Food
    Trattoria
  • Indirizzo/ Address
    Via San Faustino, 33, 43036 Fidenza PR, Italia
  • Località/ Where
    Fidenza
  • Telefono/ Telephone
  • Chiusura/ Closed
    Sabato a pranzo, domenica sera e lunedì
  • Trattoria
  • Via San Faustino, 33, 43036 Fidenza PR, Italia
  • Fidenza
  • Sabato a pranzo, domenica sera e lunedì
Cucina/ Food
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Cantina/ Wine
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
Prezzo/ Price
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
  • alt text for a img
a cura di Chichibio

Non vi sarà agevole l’ingresso, segnalato con indicazioni poco visibili appena finita la tangenziale verso Fiorenzuola, ma sarete ricompensati da un locale accogliente ricavato nella casa di un podere alle porte di Fidenza. Gli arredi rustici e i mattoni stuccati convivono con quadri e oggetti di design, le rosse affettatrici, i salumi esposti e appesi, la stufa per le giornate invernali e tavoli all’aperto per l’estate. Cantina ricca di buone bottiglie, anche di produttori poco conosciuti, dalle regioni italiane a prezzi accorti; servizio cordiale.
La cucina, i piatti
Se è rustico e tradizionale l’ambiente, non lo è la cucina nè i piatti che da essa escono. Pagato il giusto e dovuto tributo alla storia locale coi salumi e i tortelli di erbetta, il cuoco preferisce poi misurarsi con la tradizione moderna in preparazioni che evidenziano buona tecnica, rispetto dei sapori e delle materie prime, fantasia negli accostamenti e nella presentazione dei piatti arricchiti da spezie e verdure. Si comincia (8-13 euro) con un prosciutto ben stagionato e dal gusto pieno e profondo e da un buon culatello, poi le goloserie di polenta fritta con lardo pesto, pancetta e Gorgonzola; con un cartoccio di fritto di mare e verdure pastellate con salsa béarnaise; con la torretta di parmigiana di melanzane e mozzarella di bufala. Primi piatti (10-12 euro) con l’orzotto (proposta del giorno) tirato come fosse un risotto con Taleggio e asparagi e gli ottimi spaghetti Verrigni, resi dolci e ruvidi dalla trafila in oro, con ricco condimento ai frutti di mare. Chiudono il lotto i tagliolini, gli gnocchi di patate e il savarin al riso con crema di Parmigiano-Reggiano e spalla cotta e dunque reinterpretato rispetto alla ricetta classica di Mirella Cantarelli che prevedeva risotto alla parmigiana, lingua salmistrata, polpette di carne mista in salsa ai porcini secchi. Ai secondi (12-17 euro; 20 il crudo di mare) troverete il galletto in padella alla paprika; la coscia d’oca resa morbida dalla lunga cottura a bassa temperatura e poi croccante dalla rosolatura al Calvados; la battuta di Angus; il viaggio nel baccalà che inizia con un bel trancio leggermente affumicato e cotto a bassa temperatura, poi bocconcini fritti con salsa béarnaise, quindi mantecato su salsa di olive, melanzane e pomodoro e infine la deliziosa zuppetta di trippe, saporita e cremosa, con fagioli azuki bruni.
Per finire
Il capitolo dei dolci (6 euro) è ricco e articolato: il “sigaro” cubano al cioccolato leggermente piccante; lo zuccotto di zuppa inglese; la debordante coppa spagnola; l’ottimo gelato al pistacchio di Bronte. Per quattro piatti circa 44 euro, bevande escluse. Menu non esposto, coperto 2 euro, ingresso, bagni, parcheggio comodi.

(Recensione di giovedì 21 luglio 2016)

English version below

Not easy to find, indicated by hard to see signs after the end of the tangenziale bypass towards Fiorenzuola, but the compensation lies in a welcoming place inside a farmhouse at the gates of Fidenza.

Rustic furnishings and plastered brick live side by side with pictures and design objects, red slicing machines, displays of hanging cured meats, a stove for the winter months and tables outside for the summer.

A wine cellar full of fine makes – also from little-known producers – from the Italian regions at affordable prices; courteous service.

The cuisine, the dishes If the place is rustic and traditional, the cuisine is not, nor are the dishes.

After paying the correct and dutiful tribute to local history, with cold cuts and

Tortelli di Erbetta, the cook prefers to measure himself against modern tradition in preparations that highlight good technique as regards the flavours and raw materials, imagination in the pairings and presentation enriched by spices and vegetables.
For starters (€8-13) some well-matured prosciutto with a deep full flavour and a fine Culatello, then the delights of fried
polenta with lard pesto, Pancetta and Gorgonzola; a cone of fried breaded seafood and vegetables with Béarnaise; or a torretta
of Parma-style aubergines and buffalo mozzarella.
First courses (€10-12) with a barley “orzotto” (dish of the day) made like a risotto with Taleggio and asparagus, and some superb Verrigni spaghetti, sweetened and roughened by being bronze drawn, with a rich seafood sauce.

Closing this section the tagliolini, potato gnocchi and a rice savarin with Parmesan cream and cooked shoulder of ham and therefore a reinterpretation with respect to Mirella Cantarelli's classic recipe which was a Parma-style risotto, corned tongue (lingua), mixed meat polpette in a dry Porcini sauce.
As for the second courses (€12-17; 20 for the Crudo di Mare), you can find spring chicken (galletto) pan-cooked with paprika; leg of goose (oca) made tender by long cooking at low temperature and then crisped by browning with Calvados brandy; some chopped Angus; the venture of the salt cod (baccalà) which begins with a generous lightly smoked slice cooked at low temperature, then fried nuggets (bocconcini) with Béarnaise, then cooked until creamy with a sauce of olives, aubergines and tomatoes, and finally a delicious, savoury and creamy soup of tripe (trippa) with brown adzuki beans.

To finish off The dessert section (€6) is rich and varied: a slightly spicy chocolate Cuban “cigar”; a Zucccottotrifle; an over-the-top
Coppa Spagnola
ice cream; a superb Bronte pistachio ice cream.
For four courses you'll be paying around 44 Euro, drinks excluded.
Menu not on display, €2 cover charge; easy-access entrance and toilets, and convenient car park.